Salta al contenuto principale

Un lotto di «Mars» e «Snickers»

via dagli scaffali per precauzione

 

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 56 secondi
Una brutta notizia per chi è goloso di barrette al cioccolato: un paio di giorni fa il produttore americano Mars ha ritirato dagli scaffali di 55 Paesi, fra cui l’Italia, i suoi famosi dolciumi dopo il ritrovamento da parte di una signora in Germania di tracce di plastica nel prodotto. E, ovviamente, anche nei supermercati di Trento in questi giorni non è possibile acquistare Mars, Snickers, Milky Way, Celebrations e Mini Mix, nelle varie confezioni singole, mini o in pacchi.
 
Entrando nei vari punti vendita, da Poli a Md, passando per Orvea e Despar, i clienti si sono imbattuti in un cartello che invitava i consumatori a non mangiare quelle barrette e a restituirle nel caso le avessero acquistate nei giorni precedenti. I prodotti sono stati tutti ritirati: «L’azienda stessa ha inviato una comunicazione chiedendo di togliere dalla vendita quei dolciumi, in via precauzionale, e noi abbiamo ovviamente eseguito», fanno sapere dai vari supermercati della città.
 
Al momento non si sa ancora quando le barrette torneranno sugli scaffali. Il lotto potenzialmente dannoso proviene dall’Olanda e il richiamo riguarda solo Mars e Snickers prodotti dalla fabbrica di Veghel all’inizio dell’anno ed esportate all’estero. La donna ha trovato un pezzetto di plastica rossa in una barretta Snickers comprata l’8 gennaio scorso. Dopo il reclamo inoltrato a Mars, il pezzo di plastica è stato fatto risalire allo stabilimento di Veghel, che ha determinato la sua provenienza da una copertura protettiva su un macchinario di fabbricazione.
 
«Stiamo indagando su cosa sia accaduto esattamente, ma non siamo certi che questo pezzetto di plastica rossa non sia in un altro prodotto della stessa linea», ha precisato l’azienda in una nota. Per evitare che qualcuno acquisti un prodotto contenente dei pezzi di plastica che potrebbero provocare soffocamento la multinazionale statunitense ha deciso in via «volontaria» e «per precauzione» il richiamo. 
 
E proprio per evitare incidenti, «abbiamo deliberatamente scelto un periodo di produzione molto ampio per assicurarci che tutti i prodotti potenzialmente toccati siano richiamati», ha spiegato invece Mars Germania. Solo in Olanda dovranno essere ritirate, secondo l’agenzia Anp, 4 milioni di barrette. Fino ad ora non si segnalano altri casi di ritrovamento di plastica in nessuno dei Paesi coinvolti.
 
È la prima volta che Mars richiama dolci prodotti nella fabbrica di Veghel, aperta nel 1963, che impiega 1.200 persone.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?