Salta al contenuto principale

La mamma è a fare la spesa:

a 9 anni mette un ladro in fuga

Ha fornito ai carabinieri una descrizione perfetta del malvivente

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

La mamma lo lascia solo in casa per qualche minuto, giusto il tempo di fare la spesa. Lui sente dei rumori, vede un ladro che tenta di buttare giù la porta a spallate, chiama i genitori al telefono e fornisce ai Carabinieri una perfetta descrizione del malfattore, tanto da permettere ai tutori dell'ordine di individuarlo nel giro di poche ore.

Protagonista della vicenda è un bambino di soli nove anni, residente con la famiglia a Mostacins, minuscola e isolata frazione di Castelnovo del Friuli (Pordenone). Il piccino si candida, a pieno titolo, per un eventuale remake del film cult "Mamma ho perso l'aereo", in cui il protagonista, rimasto solo a casa mentre i congiunti sono in viaggio perchè non ha udito la sveglia, non si perde d'animo e se la spassa, approfittando dell'assenza degli adulti, tenendo testa a due scassinatori maldestri e malvagi, intenzionati a svaligiare la casa. Proprio come accaduto nella sperduta borgata collinare.

La differenza sta nel fatto che in casa il piccolo friulano era stato lasciato da solo di proposito dalla mamma: «Ha dimostrato coi fatti di essersi meritato la fiducia dei genitori - hanno commentato i Carabinieri che hanno compiuto le indagini - il ladro si deve essere appostato per fare irruzione appena la donna è uscita per andare in paese a prendere pane e latte, ma non ha fatto i conti col sangue freddo del imbo».

Il giovanissimo e guardingo detective appena ha sentito i rumori, compreso che si trattava di un bandito, ha evitato di farsi vedere raggiungendo però contemporaneamente una finestra da dove poteva vedere con esattezza il volto del ladro. Ha quindi preso il telefono e urlando a squarciagola si è fatto sentire di proposito dal malfattore, cercando in questo modo di dissuaderlo dal fare irruzione. Un piano riuscito perfettamente, con il ladro che ha preferito desistere piuttosto che rischiare. Tutto inutile: il piccolo ha fornito agli investigatori una descrizione minuziosa dell'uomo, grazie alla quale, confrontata
coi riscontri dei vicini, i carabinieri sono riusciti a individuarlo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy