Salta al contenuto principale

Matteo Renzi oggi a Trento

Annunciate dure contestazioni

Minoranze scatenate. Lega: «Venga a restituirci 6 miliardi». M5S: «Rottamatore dell'autonomia. Vuole smantellare lo Statuto speciale e fare cassa»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

Per martedì pomeriggio a Trento il Sindacato di base multicategoriale (Sbm) e l'Unione sindacale di base (Usb) annunciano un corteo e una manifestazione di protesta contro la visita del premier Matteo Renzi. "Finalmente, lo aspettavamo da mesi - si legge in una nota - ora ci faremo spiegare le sue riforme sulla Costituzione, che cancella la rappresentanza democratica, sul sistema elettorale, che riduce il parlamento a mero esecutore delle disposizioni del governo, sul lavoro (jobs act), che ha modificato l'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, permettendo il licenziamento senza giustificato motivo ed esponendo i lavoratori al continuo ricatto delle aziende".

"Andiamolo a trovare, l'incontro è pubblico e Renzi è un "vero" democratico, ci ascolterà", scrivono i sindacati autonomi che annunciano un corteo in via Malpensada, a Trento, fino al palazzetto di Sanbapolis dove si terrà l'incontro con Renzi. 


M5S contro il premier

"Renzi si abbatte sul Trentino-Alto Adige come un predone e i presidenti Rossi e Kompatscher accolgono in pompa magna il rottamatore della nostra Autonomia. Il premier vuole smantellare lo Statuto speciale e spremere la nostra Regione per fare cassa, viene a Trento solo per imporre la resa incondizionata alla deriva centralista". Lo dichiarano in una nota congiunta il deputato del Movimento 5 Stelle Riccardo Fraccaro, il consigliere provinciale M5s Filippo Degasperi e il candidato sindaco di Trento per i Cinque Stelle Paolo Negroni.

"I partiti locali stanno tradendo il territorio: alleandosi con Renzi e votandogli una fiducia dietro l'altra - prosegue la nota - hanno favorito l'ascesa dell'uomo solo al comando che rappresenta il più grande pericolo per la nostra autonomia. Il MoVimento 5 Stelle è l'unica forza politica in grado di tutelare gli interessi dei cittadini e difendere le istanze del Trentino-Alto Adige dalle mire renziane". "I cittadini sanno che Renzi è un impostore, già alle prossime elezioni amministrative gli daremo il benservito", concludono Fraccaro, Degasperi e Negroni. 


La Lega: venga a restituirci sei miliardi

"La visita di Matteo Renzi a Trento e Bolzano potrebbe essere l'opportunità per farsi restituire i circa sei miliardi riguardanti i ricorsi alla Corte Costituzionale a cui Ugo Rossi e Arno Kompatscher hanno rinunciato dopo il patto di garanzia firmato con il governo". Lo scrive in una nota il segretario della Lega Nord Trentino Alto Adige-Sudtirolo, Maurizio Fugatti.

"Dopo la firma di questo accordo nulla è cambiato a livello nazionale da parte del Partito democratico nei confronti delle autonomie speciali: il Pd lombardo - prosegue Fugatti - ha raccolto le firme per abolire le autonomie speciali e il presidente toscano Enrico Rossi le ha definite fuori dal tempo. Questo si conferma il governo più ostile alle autonomie della storia repubblicana, e non saranno certo i tweet illusori che Matteo Renzi scriverà domani ai piedi delle Dolomiti a far cambiare l'impostazione centralista di questo esecutivo che vuole la fine delle autonomie". 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy