Salta al contenuto principale

L'appello delle Acli trentine

«Cittadini, andate a votare»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

«Le elezioni amministrative non sono elezioni di serie B. Il comune, il sindaco e la stessa assemblea cittadina (comprese le opposizioni) rappresentano il sale della democrazia essendo le istituzioni più vicine al cittadino. Per questo le Acli riconoscono l’impegno di tanti amministratori che dedicano tutto il loro tempo alla comunità e allo stesso modo ringraziano tutte le candidate e i candidati che si prestano ad un’azione di volontario impegno per il bene delle rispettive comunità».

Le Acli Trentine hanno presentato il documento "Il comune è il cuore dell'Autonomia. Ripartiamo, insieme, dall'etica, dalla partecipazione e dai beni comuni". «Il nostro impegno» spiega il presidente Fausto Gardumi (nella foto) «è rivolto innanzitutto a invertire latendenza suicida dell’astensionismo al fine di ridare fiducia alla politica e alle istituzioni". Da qui l'appello rivolto a tutti di "andare a votare. Il voto è infatti la manifestazione di un diritto, ma anche di un dovere civico».

Le priorità indicate dalle Acli Trentine sono la lotta alla povertà e alla disoccupazione, la formazione di una classe dirigente espressione della cultura della montagna, il territorio (da amare e preservare) e una nuova alleanza fra pubblica amministrazione e cittadini.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy