Salta al contenuto principale

Lavoratori delle pulizie in piazza

Vertice tra Comune e Provincia

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 59 secondi

Mentre gli enti pubblici discutono, si confrontano, cercano una via d’uscita dall’angolo in cui si sono cacciati, i lavoratori delle pulizie scendono in piazza.

La questione “appalto della vergogna”, il mega bando da 95,35 milioni di euro, che è diventato modello del contestatissimo bando ponte del Comune di Trento, resta un tema caldissimo, quanto irrisolto. La logica dovrebbe essere quella di appalti dove a prevalere è la qualità tecnica dell’offerta. La realtà, come proprio il mega bando delle pulizie degli enti pubblici trentini (Provincia, Comuni, Università, Apsp-case di riposo, Azienda provinciale per i servizi sanitari esclusa), è ben diversa: prevale il massimo ribasso che fa risparmiare l’ente pubblico committente sacrificando redditti, e dignità, dei lavoratori, in gran parte donne, in gran parte part-time.

È la ragione per cui, se non ci sarà un cambio di rotta, vale a dire fino a quando, Provincia, Comuni e altri enti pubblici non la smetteranno di essere “agenti di precarietà”, i lavoratori e le lavoratrici sono in mobilitazione.

Oggi Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uil Trasporti hanno organizzato in piazza Dante un presidio di protesta dei lavoratori degli appalti dei servizi di portierato dell’Università e delle pulizie del Comune di Trento.

Per i lavoratori e le lavoratrici delle portinerie dell’Ateneo il taglio di stipendio e il peggioramento delle condizioni di lavoro è già una realtà dal 16 luglio - ricordano in una nota Paola Bassetti e Francesca Delai (Filcams), Francesca Vespa (Fisascat) e Antonella Didu (Uil Trasporti) - quando la gestione del servizio è passata all’ati (associazione temporanea d’impresa) Rear - Miorelli che ha vinto la gara indetta da Apac. Per le settanta lavoratrici che fanno le pulizie degli uffici comunali di Trento, invece, il dimezzamento delle ore e dei salari potrebbe avvenire nei prossimi mesi, se Palazzo Thun non decide di ritirare il bando.

Per il sindacato, si tratta di storie diverse con un unico comune denominatore: «Enti pubblici che decidono di far quadrare i conti tagliando sui lavoratori più deboli». «È necessario che ognuno si assuma le proprie responsabilità» ripetono le rappresentanti sindacali «Di fronte a misure che non rispettano la dignità dei lavoratori serve una precisa presa d’atto e servono dei cambiamenti. Troppo facile esprimere dispiacere a parole e poi voltarsi dall’altra parte».

Ieri, il bando ponte, di cui il sindacato chiede la revoca, è stato oggetto di confronto in Giunta comunale, quindi nella Commissione vigilanza. «Nessuna decisione è stata presa» spiega il sindaco Alessandro Andreatta «e non poteva essere altrimenti, perché abbiamo fissato un incontro con il presidente Fugatti, mercoledì (domani, ndr). E vogliamo anche affrontare la questione del bando pulizie in una seduta del Consiglio della autonomie, nei prossimi giorni, perché riguarda anche gli altri Comuni».

La scelta è chiara: la giunta del capoluogo non vuole finire, unica, sulla graticola. «È bene confrontarsi con la Provincia» dice il sindaco «perché noi, con il bando ponte, ci siamo rifatti al bando dell’Apac, e il problema è trovare una soluzione che stia in piedi oltre il nostro bando ponte: lo predisposto perché non possiamo andare avanti a proroghe, in quanto, prima o poi, arriverà l’esito dell’appalto provinciale, che ci riguarda. Non c’è solo una questione di superfici e frequenza delle pulizie, c’è anche un prezzario nazionale da rispettare, che ha ricadute su stipendi e paghe».

E che porta, sindaco, a cifre vergognose... «Non sono insensibile, l’ho dimostrato in dieci anni di rapporti con i sindacati, stando al loro fianco. Alla gara dell’Apac ci sono ribassi di oltre 30%, ma anche del 6-7%: vediamo come saranno valutati. I margini sono stretti, ma stiamo cercando una soluzione. È questione di giorni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy