Salta al contenuto principale

Bocenago: gestione Palù della Fava

Remo Ballardini è estraneo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 12 secondi
Erano tantissimi anni, dal 2001, che il bar ristorante Palù della Fava, acquisito dal comune di Bocenago nella seconda metà del Cinquecento assieme a tutto il comparto di Malga Zeledria, sui monti campigliani, giaceva chiuso al pubblico. E c'è ancora in ballo una causa, che fra l'altro avrà una udienza nelle prossime settimane.
Per Natale riaprirà i battenti, a gestirlo la famiglia Ballardini, esperti di ristorazione e locali pubblici che bazzicano da un ventennio dato che già hanno in gestione il Rifugio Stoppani sul Grostè, il ristorante Antico Focolare e, di prossima apertura anche il nuovo Rosengarten Hotel. 
Contrariamente a quanto abbiamo scritto, però, non c'entra nulla con la gestione Remo Ballardini. Il suo legale ci informa infatti che il capostipite della famiglia - ormai anziano - non ha alcun ruolo nella nuova gestione e non ne è interessato.
 
La storia della cascina ristorante Palù della Fava è stata decisamente travagliata: un lungo contenzioso è pesato sul suo utilizzo, fra il comune di Bocenago e l’allora gestore, la famiglia Angeli, che si è chiuso solo da pochi anni e ha tenuto bloccato l’uso della struttura pubblica per quasi un ventennio. 
L’attuale amministrazione guidata dal sindaco Walter Ferrazza, appena insediata prese in mano la vicenda nel tentativo di sbloccare una situazione ormai incancrenita che rappresentava anche un danno economico, fra le spese in avvocati e il mancato affitto. Si arrivò infine alla sentenza del Consiglio di Stato che diede ragione ai privati. 
Chiusa la vicenda giuridica, il comune nel 2013 approvò in linea tecnica il progetto preliminare per il recupero della struttura che, nell’autunno di quell’anno fu proposto per il finanziamento sul bando statale «6.000 campanili» ottenendolo. «Fu una delle prime questioni che decidemmo di chiudere entrati in carica» ricorda oggi Ferrazza. 
La progettazione definitiva ed esecutiva fu affidata all’architetto Sebastiano Bertolini: 765.652,88 euro l’importo complessivo dell’intervento, di cui 494.721,42 euro per lavori a base d’appalto e 270.931,46 euro per somme a disposizione dell’amministrazione. 
 
«Abbiamo investito tantissimo nella manutenzione e messa a reddito di tutti gli edifici pubblici del comune - spiega il sindaco <+nero>Walter Ferrazza<+testo> - e per noi il ristorante Palù della Fava era diventato quasi un simbolo, quindi la soddisfazione di vederlo ristrutturato, concluso e pronto per la riapertura è tanta. Considerando che il comune ha ricevuto un finanziamento al cento per cento per la ristrutturazione, quindi non ha dovuto sborsare nulla, credo che l’entrata garantita dal canone di affitto sia anche un successo e una risorsa dal punto di vista economico per il comune che potrà godere nei prossimi dieci anni di un’entrata interessante». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?