Salta al contenuto principale

In Italia stipendi medi in calo

ma a Trento e Bolzano si sta bene

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

Cala la retribuzione media nel settore privato da 14,01 euro l’ora nel 2015 a 13,97 nel 2016, secondo gli ultimi dati Istat. Resta comunque superiore a quella del 2014 (13,80 euro). E comunque in Trentino e Alto Adige le cose vanno meglio che nel resto d’Italia (con la Lombardia).

La metà dei dipendenti percepisce una retribuzione oraria pari o inferiore a 11,21 euro nel 2016. Mentre il 6,3% dei posti ha uno stipendio basso (inferiore o uguale a 7,47 euro, due terzi della mediana nazionale). Queste posizioni a bassa retribuzione («low pay jobs») sono diminuite rispetto al 2014 ?(-6,7%).

Le retribuzioni orarie passano da 8 euro o meno percepiti dal 10% dei posti a più bassa retribuzione a 21 euro e più del 10% delle posizioni lavorative a retribuzione più elevata. La regione con la retribuzione oraria mediana più elevata nel 2016 è la Lombardia (12,02 euro), seguono Trentino Alto Adige (11,96) e Piemonte (11,80). Le retribuzioni più basse si rilevano invece in Calabria (10,01 euro), Puglia (10,10 euro) e Campania (10,10 euro).

L’aumento più significativo tra 2014 e 2016 è stato registrato in Trentino Alto Adige (+2,0%), Abruzzo, Puglia (+2,3%) e Basilicata (+3,3%).

Nei nuovi rapporti di lavoro, chi ha una laurea viene retribuito in media il 9,9% in più, ma con differenze territoriali nette: il «premio» per i laureati tocca il 15% nel Nord-Ovest e quasi si annulla (0,8%) nel Mezzogiorno. Le retribuzioni orarie mediane crescono al crescere della dimensione aziendale, con una progressione maggiore nell’industria rispetto ai servizi. Nel 2016, la retribuzione oraria mediana è pari a 10,18 euro nell’Industria e a 10,07 euro nei servizi per le imprese con meno di 10 dipendenti; a 15,93 euro nell’industria e 12,04 euro nei servizi per quelle con 250 dipendenti e più.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy