Salta al contenuto principale

Assunzioni boom: +17%

Oltre 10mila nel trimestre

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

Nei primi tre mesi del 2018, le assunzioni in Trentino aumentano di 4.122 unità, quasi il 17% in più rispetto all'anno prima. La crescita è stata quasi doppia rispetto alle 2.231 assunzioni in più registrate tra gennaio e marzo 2017 rispetto a gennaio - marzo del 2016. Nei primi tre mesi del 2018 il saldo, cioè la differenza tra assunzioni e cessazioni, vede le prime superare le seconde per 231 unità. L'anno scorso nei primi tre mesi le cessazioni prevalevano sulle assunzioni per 3.302 unità. «Sono dati importanti - sottolinea il vicepresidente della giunta Alessandro Olivi - che ci convincono a spingere ancora di più sulle politiche per una crescita economica socialmente inclusiva. Sappiamo bene che la priorità ora è agire sulla qualità del lavoro. Siamo convinti che il Trentino può essere di esempio anche per chi si accinge a varare annunciate nuove riforme economico-sociali». A certificare il positivo andamento dell'occupazione è l'Agenzia del Lavoro.  

Nel secondario (industria) le assunzioni rispetto al primo quarto del 2017 sono cresciute di 39 unità nell'estrattivo, ma di 263 per un +18% nelle costruzioni e di 470 e +14% nel manifatturiero. Anche nel terziario la crescita è generalizzata. Tra i comparti si segnalano, grazie a un'ottima stagione invernale, soprattutto i pubblici esercizi-turismo, con 2.526 assunzioni in più (+49%). Il fabbisogno di personale è tuttavia aumentato di 292 unità nelle imprese del commercio, di 296 nel comparto dei servizi alle imprese e di 272 nei rimanenti comparti del terziario. Le assunzioni in agricoltura sono le sole a calare (meno 36 unità). 

La dinamica lavorativa delle imprese nei primi tre mesi è stata migliore per gli uomini (+2.195 assunzioni, +1.927 per le donne), per i lavoratori italiani (+3.237; e +885 quelle degli stranieri). Come per l'intero 2017, anche in questi primi tre mesi del 2018 molto positiva si mantiene la domanda di lavoro per i giovani (+1.666), benché in valori assoluti aumentino maggiormente quelle della fascia centrale d'età (+1.727 tra i 30-54enni) e del 729 anche nella fascia dei più anziani (55 e oltre).
Le assunzioni a tempo indeterminato aumentano di 404 unità e del +17,5% (ma sul totale di 10.302 assunzioni sono ancora la minoranza: circa 2.200). Aumentano all'interno delle stesse aziende i passaggi da lavoro a termine a lavoro in forma stabile, con le trasformazioni a tempo indeterminato che crescono di 506 unità (+81%). Tra le altre tipologie d'inserimento al lavoro, sono 165 i giovani in più con apprendistato, il lavoro somministrato è aumentato di 324 unità e poi +2.133 assunzioni con tempo determinato e circa 1.100 con lavoro a chiamata. 

Per Franco Ianeselli, segretario trentino della Cgil: «i dati confermano la ripresa occupazionale, con tante imprese che non trovano le persone con le professionalità richieste. Vediamo però che prevalgono le assunzioni a termine. Ne dobbiamo tener conto perché rivela che c'è ancora incertezza in molte imprese. Si deve puntare a rendere stabili i posti, laddove non ci si riesce, occorre dare tutele fuori dal lavoro perché chi perde il posto sia seguito adeguatamente nel passaggio da un posto a un altro».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy