Salta al contenuto principale

Nel 2017 persi 83 negozi, 

A rischio i dipendenti Prenatal

Ma più farmacie e 3 negozi di armi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 23 secondi

La direzione della catena di negozi di articoli per mamme e bambini Prenatal ha avviato la procedura di riduzione del personale per 45 addetti alle vendite con la chiusura dei negozi di Milano Corso Buenos Aires e di Gorizia e il ridimensionamento di 22 punti vendita, dove lavorano complessivamente 222 persone, tra cui quello di Trento. Lo comunica la Fisascat Cisl.

L’incontro tra azienda e sindacati sugli esuberi è convocato il 3 maggio a Roma.

La società parla di significativa flessione delle vendite a causa della concorrenza delle catene low cost e dell’e-commerce. Ed è solo l’ultimo caso. In Trentino al 31 dicembre scorso si contano 5.639 negozi, 83 in meno in un anno (-1%), quasi 200 in meno in cinque anni, cioè da fine 2012.


Prenatal, che ha chiuso il bilancio 2016 con oltre 20 milioni di euro di rosso, dall’anno scorso è diventata una joint venture tra Giochi Preziosi e Artsana , controllata al 60% dalla Investindustrial di Andrea Bonomi , la stessa che ha appena messo in liquidazione Valtur . Il villaggio di Marilleva è stato «salvato» da Cassa Depositi e Prestiti e dalla Th Resorts partecipata da Isa.

Ma anche Artsana Chicco ha qualche problema. In un recente incontro nazionale con i sindacati sul contratto integrativo, l’azienda ha sottolineato la sempre più spinta competizione, con diversi concorrenti in crisi, e l’affermazione del canale on line che è arrivato al 12% del mercato e ha segnalato la situazione di particolare difficoltà di dieci punti vendita, di cui però non è stato fornito l’elenco, nonostante l’esplicita richiesta delle organizzazioni sindacali. Artsana Chicco ha un negozio a Trento e uno a Bolzano.


Il quadro aggiornato della situazione in Trentino emerge dai dati dell’Osservatorio nazionale del commercio del Ministero dello sviluppo economico. A fine 2017 si contano 5.639 esercizi commerciali, 83 in meno in un anno e 184 in meno in cinque anni (-3%). I supermercati e gli esercizi non specializzati sono complessivamente stabili intorno a quota 1.000. Tra essi, gli ipermercati, cioè gli esercizi sopra i 2.500 metri quadri, restano sempre 6. I supermercati, esercizi fra i 400 e i 2.500 metri quadri, sono saliti nell’ultimo anno di due unità a quota 190. I minimercati tra 200 e 400 metri sono aumentati del 2% a 565.


La contrazione dei punti vendita «fisici» si concentra negli esercizi specializzati. I negozi di alimentari scendono in un anno da 941 a 928, con 13 unità in meno. Si riducono in particolare le macellerie, scese del 7% a 114, e i panifici, diminuiti di un altro 4% a 153 esercizi. Stabili a quota 65 i negozi di informatica e telecomunicazioni, con uno spostamento però a favore della telefonia e a danno dei computer.


Calano gli esercizi di abbigliamento: a fine 2017 sono 881, cioè 13 in meno del 2016. Se si considerano però quelli generici, il calo è di ben 33 unità a quota 483: -6%. Tra le altre tipologie, perdono colpi le calzature (-6%), i prodotti tessili (-4%), i mobili (-3%), mentre crescono farmacie (+6%) e parafarmacie (+5%). Salgono poi a tre i negozi di armi e munizioni. Erano solo uno due anni fa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy