Salta al contenuto principale

Corazzolla: da Tres a New York

passando per «Fico»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 48 secondi

Da Tres, in val di Non, a New York passando per Trento. Con tappa a Bologna nella sede di Fico (Fabbrica italiana contadina), il più grande parco agroalimentare al mondo, per l’allestimento del portale dello stand di Melinda.

I mobili in legno di alta qualità della ditta Corazzolla Arredamenti costituiscono un’eccellenza trentina che ha superato i confini provinciali e si distingue a livello nazionale ed internazionale.
Tanto che, lo scorso anno, l’azienda a conduzione familiare fondata nel 1986 a Tres (oggi comune di Predaia) da Antonio Corazzolla ha aperto uno show room a New York.

«In collaborazione con un gruppo di aziende artigiane che lavorano ad alti standard di qualità nel mondo dell’arredo - specifica il titolare Antonio Corazzolla - E lo show room americano dà i suoi frutti: abbiamo già realizzato alcuni lavori sia in ambito pubblico sia su commissione di privati».

Il grande passo del 2017, invece, è stata l’apertura a Trento dello show room in via Fratelli Fontana. «Si tratta di 300 metri quadri - descrive Sabina Corazzolla, moglie di Antonio - in cui ciascun cliente può conoscere i materiali che utilizziamo e pensare di farli plasmare esattamente secondo i propri desideri».

Proprio nei mesi scorsi, poi, la Corazzolla Arredamenti si è occupata di realizzare il portale dello stand di Melinda presso il parco agroalimentare Fico di Bologna. «Interamente con abete della Magnifica comunità di Fiemme - dice Antonio - Sulla struttura (12 metri per 4,5 metri) sono esposte tutte le mele di Melinda, quindi abbiamo trattato il legno in modo naturale».

Innovazione, scrupolosa attenzione al cliente ed alta qualità: sono questi i tre ingredienti che hanno permesso alla Corazzolla Arredamenti di raggiungere il prestigioso traguardo dei trent’anni di attività e di porsi sul mercato internazionale. «Creiamo mobili in legno di alta qualità, unici e personalizzati, che si adattano agli ambienti nei quali si inseriscono ma soprattutto sono tagliati ad hoc sul cliente», spiega Antonio. Non solo: «Abbiamo sempre creduto - sottolinea - nell’innovazione di tutti i settori dell’azienda (produttivo, organizzativo). E questa caratteristica ci ha certamente premiati. Oltre a creatività, curiosità e fermento che sono tre fattori indispensabili per rimanere sul mercato».

Sarà per questo motivo che la passione di papà Antonio e mamma Sabina per la lavorazione del legno è stata recepita dalle figlie Daniela e Angela: la prima, 29 anni, è laureata in Ingegneria Civile e si occupa della parte tecnica dell’impresa, mentre la seconda, 27 anni, è laureata in Economia e Commercio e controlla la parte amministrativa. Nella ditta (18 dipendenti in totale) lavora anche Matteo, marito di Daniela. Marta, la terzogenita di Antonio e Sabina, invece, è ancora studente.
E pensare che Antonio ha fondato l’attività trent’anni fa, in un laboratorio di 300 metri quadrati.

«Molto è cambiato - conclude - Se un tempo era sufficiente costruire mobili, ora per stare sul mercato non si può prescindere da alta qualità e attenzione alla clientela». Non manca una particolare sensibilità verso tutto ciò che è naturale, come il legno. «Utilizziamo - termina Sabina - solamente materiali naturali (olii, rivestimenti, tessuti) rispettosi dell’ambiente e biocompatibili. Inoltre, anche le nostre politiche interne aziendali sono fortemente concentrate sulla sostenibilità (impianto fotovoltaico, recupero degli scarti del legno per il riscaldamento, vasche di raccolta dell’acqua piovana)».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?