Salta al contenuto principale

Dal 15 novembre obbligo di gomme invernali o catene a bordo

Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

La prima neve è già caduta nelle settimane scorse sulle cime e sui passi dolomitici, prima che l'autunno ci regalasse una finestra estiva che ora si chiude. Per gli automobilisti ormai è il momento di attrezzarsi per poter affrontare in sicurezza le strade ormai a "rischio inverno". Quest'anno la Provincia conferma l'ordinanza emanata nel 2013 riguardante l'obbligo di montare pneumatici da neve o almeno di avere le catene a bordo, nel periodo che va dal 15 novembre al 15 marzo. In questa videointervista l'esperto Marco Monsorno (Mondial Pneus Trento) illustra alcuni dei nodi principali che l'automobilista deve affrontare al momento di scegliere come attrezzarsi per l'inverno.

 

IL VIDEO CON TUTTE LE INFO UTILI

 

 

Per molti si tratterà di mettere a riposo le gomme estive e di tirar fuori del deposito quelle invernali il cui montagigo professionale con equilibratura può costare una trentina di euro (ma c'è anche chi predilige il fai-da-te).

Se, al contrario, si è sprovvisti di pneumatici e si intende affrontare la spesa, l'offerta sul mercato presenta, per ogni categoria di veicolo, uno spettro piuttosto ampio per quanto riguarda il prezzo e probabilmente anche la qualità della performance in condizioni di stress.

 

In linea di massima, si può considerare che difficilmente per un treno di gomme affidabili, almeno per vetture dalla classe media in su, si riesce a scendere sotto i 300-400 euro, cifre che naturalmente crescono con l'aumentare del "calibro" degli pneumatici sui quali deve comparire la sigla M&S, M+S, M-S (mud and snow, fango e neve). Va poi considerata la fascia cui deve appartenere la gomma, secondo quanto prescritto dalla carta di circolazione della veicolo (la categoria Q prevede una velocità massima fino a 160 km/h, la R fino a 170, la S 180, la T 190, la H 210, la V f 240, ZR oltre i 240).

 

Anche per quanto riguarda le catene, i prezzi possono variare parecchio, più o meno dai 30 ai 150 euro, a seconda delle dimensioni del pneumatico e della qualità del materiale utilizzato (non sono invece omologate le cosiddette calze da neve, un dispositivo avvolgente che fornisce un supporto all'automobilista ma che per il Codice della strada non ha valore).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy