Salta al contenuto principale

Gomme: controllare il battistrada

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto m 42 secondi sec

Avete controllato le condizioni del battistrada dei vostri pneumatici? Se no, sappiate che quest'operazione necessaria si può fare tranquillamente a casa, senza ricorrere all'esperienza di un gommista. Ma perché farla? Per diversi motivi. In primo luogo, il buono stato delle gomme della nostra automobile indica che viaggiare su di essa è sicuro. Se il battistrada si è consumato, aumenta il rischio di slittamento sull'acqua («aquaplaning») quando piove, senza dimenticare che sale anche il pericolo di incappare in una foratura. In più la tenuta di strada si riduce di molto e lo spazio necessario per arrestare il veicolo diventa assai più grande. In secondo luogo, accertarsi che le sculture delle gomme siano ancora visibili (ed eventualmente sostituire gli pneumatici con un nuovo treno di gomme) porta con sé un risparmio: le gomme in cattive condizioni fanno aumentare i consumi e rendono soggetti a salate sanzioni amministrative in caso di controlli. Ecco perché è importante sapere quando è ora di fare il cambio per avvenuta usura degli pneumatici. Come ci si sincera che il battistrada vada ancora bene? È presto detto. Parcheggiamo la vettura in piano, innestiamo il freno a mano e giriamo lo sterzo, cosicché il battistrada sia perfettamente visibile. Fatto ciò, andiamo alla ricerca dell'indicatore di usura. Che cos'è? Si tratta di un tassello alto 1,6 mm, collocato dietro una delle scanalature principali della gomma. Questo tassello è contrassegnato dalla sigla TWI («Tread wear indicator», indicatore di usura del battistrada) stampigliata sul fianco. Se il battistrada è così usurato da esporre l'indicatore all'asfalto, è necessario fare al più presto il cambio gomme, perché la ruota è fuori dalla norma prevista dal codice della strada. C'è anche un altro metodo, più «artigianale» per così dire, per controllare il consumo degli pneumatici. Si può usare una moneta, ad esempio quella da 1 euro. Se il bordo della moneta, quello in cui compaiono le stelle, è visibile, è il caso di recarsi da un gommista. Con le gomme invernali, lo stesso rimedio casalingo si applica con la moneta da 2 euro: se il bordo è più alto della scanalatura, si deve sostituire lo pneumatico.

[a cura di Media Alpi Pubblicità]

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?