Salta al contenuto principale

L'Oscar italiano dei videogames

a «Red Dead Redemption II»

il western made in Italy

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

Cappello da cowboy, cartuccera a tracolla e fucile pronto in mano. È il protagonista di «Red Dead Redemption 2», il titolo che ieri ha vinto l’Oscar italiano per il miglior videogioco.

Un riconoscimento assegnato da Aesvi, l’associazione di editori e sviluppatori, durante l’Italian Video Game Awards che quest’anno si è tenuta nella suggestiva cornice dell’Acquario Romano, nel cuore della Capitale. Il titolo della Rockstar ha battuto la concorrenza di videogiochi del calibro di «Spiderman, Monster Hunter» e «Assassin’s Creed: Odissey» portandosi a casa anche altre due statuette, quella per «best art direction» e per il miglior audio. La giuria, presieduta dal giornalista del Corriere della Sera Federico Cella, ha assegnato il Drago d’Oro per il miglior videogioco italiano all’horror «Remothered: Tormented Fathers» dello studio catanese Stormind Games.

La cerimonia, che ha visto la partecipazione anche del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vito Crimi e di quello ai Beni Culturali Gianluca Vacca, è stata presentata da Pierluigi Pardo, giornalista sportivo da anni ‘vocè ufficiale in Italia di Fifa. Tra gli oltre venti premi assegnati, da segnalare l’Innovation Award che quest’anno è andato a Microsoft per l’Xbox Adaptive Controller, uno speciale pad che consente di poter giocare anche ai ragazzi disabili. Lo ‘Special Award’ è andato invece al progetto dedicato all’alfabetizzazione dei bambini siriani attraverso il gioco intitolato ‘Antura and the Letters’, un lavoro che presto sarà esportato anche in altri Paesi in difficoltà, dove i più giovani non hanno accesso alle scuole.

Un capitolo a parte è stato dedicato al fenomeno degli esports, le competizioni «virtuali». Il Drago d’Oro per il miglior gioco del settore è andato a Overwatch, uno sparatutto protagonista di tornei internazionali in tutto il mondo, Italia compresa. Il miglior team invece sono i Samsung Morning Stars, mentre la statuetta per miglior giocatore è andata a Riccardo Reynor Romiti. Un giovanissimo talento toscano di appena 16 anni, reduce dal successo di qualche giorno fa nel più importante torneo europeo di StarCraft.

«Ho cominciato a giocare insieme a papà - racconta Riccardo, che oltre ad essere un pro-player studia anche informatica -. Poi ho continuato e sono arrivato fino a qui. Ma questo è solo il punto di partenza, voglio arrivare sempre più in alto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy