Salta al contenuto principale

Cinque storie "noir"

con il Club Armonia

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Il Club Armonia ritorna oggi nella sala della Sosat di via Malpaga 17 a Trento con una originale proposta di recital, sospeso fra narrazione storica e letteratura gialla, per proporre un punto di vista del tutto particolare su alcune vicende che hanno segnato sia la città come le valli del Trentino. «E il lento Adige va!» è un recital che raccoglie cinque storie «noir» dalla fine del Quattrocento fino ai giorni nostri; storie che hanno lasciato, purtroppo, una lunga scia di sangue, ma anche di ingiustizie, di interrogativi e di profili non proprio raccomandabili ed ai più del tutto sconosciuti.

Oggi, con inizio alle ore 20.30 alla sede della Sosat, con ingresso libero, sarà la chitarra di Guglielmo Mattedi ad accompagnare le voci narranti di Barbara Gazzoli, Licia Beltrami, Fiorenzo Pojer e Renzo Fracalossi, che ha «scavato» nella nostra storia il testo e ne ha coordinato la recitazione. Il pubblico verrà così guidato dentro alcuni capitoli oscuri dei secoli scorsi, anche se ricchi talora di risvolti divertenti, per conoscere qualche tassello in più e per provare infine che il Trentino non è stato e non è, a ben vedere, così diverso dal resto del mondo. Lo spettacolo vedrà raccontare anzitutto la vicenda del Simonino del 1475 (nella foto il martirio in un affresco a Bergamo), alimentata da un clima di antisemitismo nella Trento di allora che condusse a una vera e propria crociata contro gli ebrei della città.

Poi verrà narrata la storia di un sacerdote della seconda metà del Settecento, Giovanni Battista Bevilacqua, legata ad un traffico di uomini a favore del re di Prussia, seguita da tre storie cruente del Novecento assai più vicine a noi. La prima accadde nel 1947, relativa alla gelosia, e si concluse con la morte di una donna, la seconda risale al 1978 quando una famiglia si convinse di essere tramite con altri mondi e una bambina ne fu vittima; l’ultima è del 1992 quando la prostituta Anna Maria Ropele venne uccisa a coltellate nella sua abitazione e il colpevole non venne scoperto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy