Salta al contenuto principale

Morto Mario Marenco

indimenticabile comico

di «Alto gradimento»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 0 secondi

È morto oggi a Roma, all’età di 85 anni, l’attore e umorista Mario Marenco, indimenticabile protagonista della tv di Renzo Arbore. Nato a Foggia nel 1933, era ricoverato da qualche tempo al Policlinico Gemelli per complicazioni legate al suo stato di salute.

Per «Alto gradimento» è stato il colonnello Buttiglione, comandante della stazione di Zanzibar, poi promosso a generale Damigiani. Ma anche il professor Aristogitone, che «dopo anni di duro lavoro in mezzo a queste quattro mura scolastiche» sognava di prendere «a mazzate» gli studenti «delinquenti». E ancora Raimundo Navarro, l’astronauta spagnolo dimenticato nello spazio a bordo della Paloma Segunda, navicella piena di difetti, pronto e imprecare contro «estos cabrones de Madrid: me haben esballado en esto firmamiento de cobalto». O la Sgarrambona, sgraziata ragazza in età da marito con voce baritonale, o il surreale poeta Marius Marencus. Fino a vestire i panni di Mister Ramengo per le improbabili telecronache dell«Altra domenicà e di Riccardino, il bambino goffo e cresciutello con la cartella e il grembiule a quadretti di «Indietro tutta».

Indimenticato interprete di strampalati personaggi della radio e della tv degli anni ‘70 e ‘80, quella di Renzo Arbore e della banda goliardica con Gianni Boncompagni e Giorgio Bracardi, Mario Marenco è morto oggi a Roma, a 85 anni, al Policlinico Gemelli, dove era ricoverato da tempo per complicazioni legate al suo stato di salute.

Nato a Foggia - proprio come il sodale Arbore - il 9 settembre 1933, si era laureato in architettura a Napoli, nel 1957 e dopo borse di ricerca a Stoccolma e Chicago aveva aperto a Roma un suo atelier di architettura e design. Complice della svolta verso la carriera di attore brillante e umorista, una scossa di terremoto, a Rimini: come egli stesso aveva raccontato in qualche intervista, era al Grand Hotel, con l’amico e autore televisivo Alfredo Cerruti, e iniziò a fare telefonate per chiedere cosa fosse successo, spacciandosi per un tal colonnello Buttiglione, diventato poi una delle sue maschere celebri.

Il debutto in tv nel 1972, con Cochi e Renato e Enzo Jannacci nel programma Il buono e il cattivo. Ma a consacrare la sua comicità surreale e un pò folle era stata la radio, nel 1970, con Alto gradimento, talk show comico demenziale e format ancora insuperato dell’intrattenimento radiofonico, condotto da Arbore e Boncompagni. Sempre Arbore lo volle, nel 1976, all’Altra domenica, archetipo dell’intrattenimento domenicale all’insegna di creatività, ironia e mix di generi. Vennero poi Odeon, L’uovo e il cubo, e ancora negli anni ‘80 Sotto le stelle, Chiappala chiappala con Bracardi e soprattutto Indietro tutta, con quel Riccardino che rilanciò Marenco all’attenzione affettuosa del grande pubblico. Di recente era tornato alla radio con il Programmone di Nino Frassica.

Meno frequenti le sue presenze sul grande schermo: è stato se stesso nel Pap’occhio (1980) di Arbore, con cui ha lavorato anche per la realizzazione del film F.F.S.S. Cioè che mi hai portato a fare sopra Posillipo se non mi vuoi più bene?. Si ricordano anche Il colonnello Buttiglione diventa generale, Von Buttiglione Sturmtruppenfuehrer, I carabbinieri, Vigili e vigilesse, Sing - Il sogno di Brooklyn.

Marenco ha firmato anche libri umoristici editi da Rizzoli, tra cui Lo scarafo nella brodazza, Dal nostro inviato speciale, Los Putanados, Stupefax e Il quaderno delle poesie. L’anno scorso era uscito ‘Porcade mancadè, tra racconti inediti e testi storici, una galleria di tragiche inadeguatezze, una sorta di summa della sua arte comica in cui erano tornati i suoi personaggi, dal colonnello Buttiglione a Raimundo Navarro, dalla Sgarambona a Riccardino, nel suo stile inconfondibile. Non a caso Federico Fellini aveva detto di lui: «È troppo intelligente per essere un attore».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy