Salta al contenuto principale

Premio Mario Roat, in scena

il "Bertoldo" di Fornace

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

Oggi, 3 novembre, alle ore 20.45, il sipario del Teatro S. Marco di Trento si alzerà su Bertoldo, in concorso per il «Premio Mario Roat» nella rassegna «Palcoscenico Trentino». 

La Filodrammatica «S. Martino» di Fornace porta in scena il testo seicentesco dello scrittore, cantastorie, enigmista e drammaturgo emiliano Giulio Cesare Croce (1550 – 1609) nell’adattamento dialettale di Camillo Caresia, che ne ha curato anche la regia con Valentina Caresia. Lo spettacolo (foto) ci porta al cospetto del trono di Re Alboino (Remo Caresia), il sovrano dei Longobardi che nell’anno 568 aveva guidato il suo popolo alla conquista dell’Italia. Nella reggia si aggira un uomo barbuto, Bertoldo (Camillo Caresia): viene dai campi, è rozzo e deforme, ma assai astuto e scaltro, tanto da diventare in breve tempo consigliere personale del sovrano. 

E così, in un susseguirsi esilarante di scene, tra lauti pasti, risate e boccali di vino, Bertoldo scherza col popolo, si fa beffe del rappresentante del clero Frate Ortiga (Sandro Lorenzi) e del principino (Alessandro Pisetta). E con l’aiuto del figlio Bertoldino (Giacomo Lorenzi) e della sgraziata moglie Marcolfa (Mariangela Caresia) riesce a farsi gioco perfino della regina (Valentina Caresia), delle donzelle di corte e dei servitori del re (Ylenia Colombini e Valerio Caresia). Venti i personaggi sul palcoscenico, fra i quali cinque ancelle narratrici.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy