Salta al contenuto principale

Addio a Lindsay Kemp

Coreografo di Bowie e Jagger

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 1 secondo

È morto a Livorno nella notte il coreografo, attore, ballerino, mimo e regista britannico, Lindsay Kemp. Aveva 80 anni. Nato a Cheshire il 3 maggio del 1938, con i suoi spettacoli ha esercitato un’influenza determinante nella storia del rock, lavorando con artisti internazionali del calibro di Kate Bush, Peter Gabriel, David Bowie, Mick Jagger.

Dopo gli anni in accademia navale, dalla quale fu espulso per aver interpretato una Salomè ricoperto solo di carta igienica («E la ragione dell’espulsione fu lo spreco di carta!»), e gli studi d’arte al Bradford College con il pittore David Hockney, finalmente nel 1968 arriva la fama con ‘Flowers’: «Lo produssi con 500 sterline ricevute in eredità da una zia e da lì per 25 anni ho girato tutto il mondo, sempre attaccato per oscenità» raccontava a Milano nel suo discorso di ringraziamento per il riconoscimento dell’Accademia di Belle Arti di Brera che gli conferiva un diploma honoris causa. Kemp ha influenzato l’immaginario popolare non solo con spettacoli come «Nijinsky», «Mr Punch» e «Onnagata». L’eredità dell’inglese si è allargata anche al mondo della musica: fra i suoi allievi si contano infatti Kate Bush, Peter Gabriel e l’ex amante David Bowie con il quale collaborò nel tour mondiale «Ziggy Stardust» del 1972.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?