Salta al contenuto principale

A Rovereto torna «Musica Macchina»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

Sabato 26 ottobre torna Musica Macchina, la rassegna del Centro S. Chiara dedicata alla ricerca sonora sperimentale e i linguaggi della musica elettronica contemporanea.
A dare il via saranno il live audiovisivo di Caterina Barbieri  (nella foto di Jim Nedd) e Ruben Spini e il nuovo progetto del compositore Thomas Ankersmit, alle ore 21 all’Auditorium Melotti di Rovereto, che ospiterà tutti gli appuntamenti di Musica Macchina.

Attraverso synth modulari e un approccio minimalista, la musicista e compositrice bolognese Caterina Barbieri ha creato un universo sonoro in costante evoluzione, ponendo al centro della propria ricerca l’indagine sulla percezione sonora e sulle possibilità espressive rappresentate dalle intelligenze artificiali. Per Editions Mego ha pubblicato «Ecstatic Computation», suo quarto album in cui il concetto di computation, da formale tecnica di scrittura automatica, si trasforma in pratica psichedelica in grado di generare uno stato di estasi e contemplazione, dove la percezione del tempo è alterata e messa in discussione. Caterina Barbieri presenterà sabato il nuovo show audiovisivo Time-Blind, realizzato in collaborazione con l’artista multimediale Ruben Spini.

Thomas Ankersmit, musicista e sound artist residente a Berlino, ha come strumento principale il sintetizzatore modulare Serge e ha all’attivo collaborazioni con artisti come Phill Niblock e Valerio Tricoli, oltre a uscite discografiche pubblicate da label come Pan, Touch e Shelter Press. Si è esibito al Berghain di Berlino e alla Tate Modern a Londra. La sua musica combina intricate texture a un forte impatto del suono elettronico, inducendo nell’ascoltatore un’esperienza sonora estremamente fisica e spaziale.

Nel suo lavoro ha un ruolo centrale un deliberato uso non convenzionale della strumentazione in chiave creativa. Sabato presenterà il nuovo progetto Perceptual Geography, un lavoro per synth modulare Serge basato sulla pionieristica ricerca della sound artist statunitense Maryanne Amacher. Biglietto di ingresso unico, 5 euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy