Salta al contenuto principale

Raphael Gualazzi, solo piano

il 18 luglio al Castello di Arco

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 55 secondi

 C’è anche quella di giovedì 18 luglio, nella suggestiva cornice del Prato della Lizza del Castello di Arco, fra le tappe del tour estivo di Raphael Gualazzi. Il cantautore di Urbino ritorna in Trentino con il suo "Piano Solo Tour", un concerto che sarà un viaggio attraverso le sue composizioni più note nel quale sarà accompagnato solamente dal suo pianoforte. Quello di Gualazzi è il primo nome, il prossimo verrà annunciato a breve, del festival «Il Castello Cantato» organizzato da Sideout e Fiabamusic in collaborazione con Garda Trentino, Cassa Rurale Alto Garda e Provincia. Anche se il suo ultimo disco è uscito ormai tre anni fa, parliamo di «Love Life Peace» targato 2016, Gualazzi non ha certo perso la voglia di proporsi nella dimensione live, sia da solo che con la sua band.

Ad oggi ha prodotto quattro album, centinaia di concerti in Europa e negli Stati Uniti con l’affetto di molti che apprezzano le sue doti di pianista e cantautore dall’anima jazz. La set list dei suoi spettacoli «In solitudine» spazia dai brani dell’ultimo cd ai grandi successi contenuti negli album precedenti: «Love Outside the Window», «Reality and Fantasy» e «Happy Mistake». Fra questi non mancheranno «La fine del mondo», «Follia d’amore», «L’estate di John Wayne», «Don’t Stop» accanto a «A Three Second Breath», «Zuccherino dolce», «Buena fortuna», realizzata con Malika Ayane e «Lotta Things». Fra le curiosità del percorso musicale di Gualazzi, la collaborazione con il bizzarro duo elettro pop The Bloody Beetroots con i quali si piazza al secondo posto al Festival di Sanremo nel 2014 «Liberi o no».

Proprio sulla scelta di esibirsi accompagnato solo dal suo pianoforte, in occasione del live del 2017 in riva al lago di Levico per il Blue Lakes Festival, Gualazzi aveva detto: «Sono molto felice di suonare in queste forme che mi permettono di avvicinarmi maggiormente al pubblico con le note più intime e particolari della musica che sono espresse con questo strumento. Il pianoforte trasmette vibrazioni meravigliose, però a volte durante i concerti rischia di perdere il suo valore senza riuscire ad esprimere tutte le sue dinamiche che sono veramente preziose. È bello cercare con il piano insieme alla voce l’intimità di una sonorità, di un’atmosfera particolare e spesso unica». I biglietti sono disponibili in prevendita da oggi nei circuiti PrimiAllaPrima e TicketOne.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy