Salta al contenuto principale

Dal gruppo rock "Jack Not Me"

degli studenti del Bonporti

video e disco sulla tempesta Vaia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 20 secondi

La tempesta Vaia ispira un disco (e un video) ad una nuova formazione di progressive rock (i «Jack Not Me») formata da studenti del Conservatorio di Trento. Il nuovo disco, “Summer Days Lost in Time”, è appena uscito.

Spiegano i ragazzi: «Nell’autunno 2018 una forte tempesta ha colpito il Trentino e interi boschi sono stati sradicati. Un desolante diaframma tra passato e presente si incontra passeggiando in tali luoghi; si trovano più alberi orizzontali che verticali. Questo ha generato l’idea di descrivere con un brano l’ossimoro del nostro effimero senso di eterno: anche ciò che sembra più sicuro e impossibile da rimuovere può da un giorno all’altro svanire e rimanere nient’altro che un ricordo. Il trapasso dei boschi a malinconica rievocazione porta via con sé storie personali, in un continuo flashback interiore. In “Summer Days Lost in Time” la cornice di molti e preziosi ricordi giace irriconoscibile sul suolo: le radici salde nella nostra memoria sono, invece per questi alberi, puntate verso il cielo, prive di ogni presa terrena. Gli eventi tanto cari esistono ora solo nelle nostre menti, persi in un tempo privo di legami con la realtà».

La semplice potenza, raccontano, «è stata scioccante ed è umiliante assistere a come una pioggia possa sconvolgere spazio e tempo che riteniamo essere di nostro controllo. Quello che è accaduto dimostra quanto l’uomo non sia padrone del mondo ma viva in simbiosi con esso e, come ogni altro essere simbiotico, debba aiutare il mondo se non altro per aiutare se stesso».

Jack Not Me è un gruppo rock trentino, formato da 5 studenti: Sara Pala (voce), Mario Pedron (chitarra), Giacomo Gozzi (basso), Francesco Pedron (tastiere e sintetizzatori) e Andrea Piva (batteria e percussioni).

Il nuovo singolo “Summer Days Lost in Time” è uscito l’8 maggio 2019. L’idea, nata dopo la tempesta dell’autunno 2018 da Mario Pedron e Giacomo Gozzi, è stata quella di comporre da zero un brano progressive rock, con struttura a stacchi strumentali, soli di sintetizzatore e chitarra elettrica, melodie e armonie originali così come il testo e soggetti che si alternano, ispirando solamente la linea melodica vocale a un’antica ballata inglese (Scarborough Fair), come un sottile rimando a tempi passati. L’autore del testo di “Summer Days Lost in Time” è Francesco Matthias Nicolussi, studente di Trento, poeta e paroliere della band, ideatore e collaboratore del concept del brano e attore protagonista nel videoclip.

Il singolo è stato inciso presso il Centro Musica di San Bartolameo con l’ingegnere del suono Niccolò Conti che ha curato anche Mix e Master. Il videoclip, uscito sul canale Youtube “JackNotMe”, è stato girato nel bosco di Alberèdi Tenna dove ancora tutti gli alberi rantolano desolati al suolo.

Pietro Girardi, videomaker trentino, ha curato regia e montaggio, le riprese (a terra ed aeree) e la fotografia sono di Nicolò Capovilla Testa e Davide Nicolodi.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy