Salta al contenuto principale

La Haydn e un Mozart «turco»

L'Orchestra in concerto a Pergine e ad Arco

Chiudi

Orchestra Haydn

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Torna la Haydn in concerto, questa sera giovedì 17 gennaio al Teatro comunale di Pergine alle ore 20.45, e venerdì 18 gennaio, sempre alle 20.45, ad Arco al Casinò municipale.

Tra i protagonisti saliranno sul palco Stefano Ferrario, maestro concertatore; Teofil Milenkovic al violino e Giacomo Fornari presentatore.
In programma, secondo il titolo, c’è «Effetto Mozart», con opere di Wolfgang Amadeus Mozart.

Secondo il grande poeta e scrittore Johann Wolfgang Goethe, un quartetto d’archi sarebbe una conversazione tra persone intelligenti. Chi ? specie in questi tempi in cui chi blatera spesso la fa da padrone ? desiderasse assistere a una tale conversazione, potrà recarsi prima in Conservatorio, a Bolzano, in Piazza Domenicani, questa sera e poi a Pergine e ad Arco, per partecipare a una serata mozartiana affidata all’Orchestra Haydn.

Guidata da Stefano Ferrario, primus inter pares, la Haydn eseguirà due brani molto amati dal grande pubblico: il Divertimento Ein musikalischer Spass, K 522, in cui Mozart fa il verso a musicisti di campagna un poco stonati, e il Concerto per violino e orchestra n. 5 in la maggiore, K 219, con la partecipazione del solista Teofil Milenkovic, allievo di Marco Bronzi del Conservatorio Monteverdi, che è già apparso molte volte con successo sulle scene regionali.

Il tutto condito dall’affabile conversazione del musicologo Giacomo Fornari, direttore del Conservatorio di Bolzano, specialista di Mozart, cui ha dedicato innumerevoli pubblicazioni, e che non mancherà di portare per mano il pubblico attraverso i meandri della creatività mozartiana, soffermandosi su un notevole caso di transfer culturale: quando spesso il mondo islamico è collegato a notizie negative, farà piacere poter toccare con mano gli influssi «turchi» nel Rondò del Concerto mozartiano, che assieme all’opera «Il ratto dal serraglio» e la «Marcia turca della Sonata K 331» testimoniano il fascino che l’oriente ha suscitato nel Settecento sulla Vienna cosmopolita di Mozart e sullo stesso grande compositore.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy