Salta al contenuto principale

Rassegna natalizia con il Coro Paganella

L'8 dicembre concerto a Trento, poi a Terlago e Sporminore

Chiudi

Il Coro Paganella

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 33 secondi

Il Coro Paganella nella sua lunga storia, iniziata nel 1969 a Terlago, ha sempre dedicato ampio spazio al Natale.

Dopo aver cantato all’inaugurazione del Mercatino, quest’anno il percorso natalizio del coro continuerà sabato 8 dicembre, alle ore 18 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore a Trento, quindi domenica 16 dicembre, alle 16, nella Chiesa di Sant’Andrea di Terlago con una rassegna di canti natalizi insieme alle corali Canticorum Jubilo di Povo e Claudio Monteverdi di Cles.

Sabato 22 dicembre, invece, a Sporminore, alle ore 20.30, il Coro Paganella si esibirà insieme al Coro Voci e Colori di Sarche di Calavino. Il ciclo dei concerti natalizi terminerà con la trasferta a Bad Wörishofen, in Germania, dove da anni il Coro Paganella raccoglie amicizia, stima e grandi apprezzamenti.

Tradizionalmente, il concerto in Santa Maria Maggiore ha da sempre rivestito un’importanza del tutto particolare per il Coro. Il contesto della basilica e l’atmosfera dei Mercatini contribuiscono ogni anno a richiamare un pubblico numeroso, attento e motivato.

Anche il maestro Claudio Vadagnini e i coristi vivono questo concerto come opportunità per prendere per mano l’ascoltatore e condurlo in un ideale viaggio sonoro attraverso le note più significative della coralità natalizia.
La storia dei brani attraversa i millenni e spesso per via della tradizione orale. Ci saranno dunque canzoni che provengono da tutto il mondo, non solo dai Paesi nordici dove la consuetudine è radicata, ma anche da quello dialettale, infusi di semplicità, ma non per questo meno toccanti. Il canto del Coro Paganella vuole essere l’occasione per fare un viaggio nel tempo, nei continenti, negli stati, nelle diverse realtà regionali Italiane e infine nel cuore dell’uomo. Il concerto si trasforma così in una narrazione di un presepe non più solo da vedere o immaginare, ma da vivere anche con uno sguardo su un orizzonte più ampio, illuminato dai colori della pace e della fratellanza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?