Salta al contenuto principale

«Blind date», concerto al buio al Teatro Sociale

A favore dei non vedenti nel Sud del mondo, il 14 novembre con il pianista Cesare Picco

Chiudi

Cesare Picco

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

«Blind Date», il concerto al buio con il pianista Cesare Picco, fa tappa a Trento mercoledì 14 novembre portando gli spettatori a vivere un’esperienza sensoriale di grande impatto emotivo.

Il «Blind Date - Concerto al buio», un format ideato nel 2009 dal pianista e compositore Cesare Picco, scavalca infatti i confini della musica e non si ferma alla sola melodia: durante ogni appuntamento della tournée il pubblico sarà immerso in una realtà sconosciuta ai più, ovvero il buio che impedisce di vivere in maniera libera e spensierata, come accade a tutti coloro che hanno il dono della vista.

Il concerto inizia infatti in penombra; poco alla volta ogni fonte di luce si spegne, in sala si raggiunge l’oscurità più assoluta per circa mezz’ora, infine la luce riappare come segno di ritorno alla vita. Nell’alternanza luce-buio-luce, il concerto ben interpreta il ritorno alla speranza che vivono le persone cieche aiutate ogni anno da Cbm onlus nei Paesi del Sud del mondo. Milioni di persone che, grazie a una semplice operazione chirurgica o a un lavoro di prevenzione, tornano a vedere e a riabbracciare la vita.

Il concerto è gratuito con prenotazione obbligatoria: https://www.cbmitalia.org/blind-date/tour/. Possibile la donazione a favore dei progetti di Cbm nei Paesi del Sud del mondo.

Massimo Maggio, direttore di Cbm Italia Onlus: «Cbm ogni giorno si impegna nei Paesi del Sud del Mondo affinché il buio ridiventi luce. La tournée con Cesare Picco, così come tutte le nostre iniziative, sono volte a sensibilizzare l’opinione pubblica su cosa significa per una persona, adulto o bambino che sia, riacquistare la vista. Ecco perché il “Blind Date” è un viaggio sensoriale unico, un’emozione intensa, un’esperienza che non può fermarsi, esattamente come non si ferma il nostro lavoro sul campo: essere ciechi in un Paese povero significa rischiare la vita ogni giorno».

«Fermiamo la cecità. Insieme è possibile» è la nuova campagna di raccolta fondi di Cbm Italia Onlus che ha l’obiettivo di salvare dalla cecità 2.6 milioni di bambini, donne e uomini che vivono in Africa, Asia e America Latina attraverso progetti di prevenzione e cura. Screening visivi nelle scuole e nei villaggi, visite oculistiche, operazioni chirurgiche, percorsi di riabilitazione, allestimento di cliniche mobili oftalmiche, distribuzione di antibiotici, costruzione di pozzi, attività di formazione professionale di medici e operatori e sensibilizzazione le attività previste dai progetti.

Quest’anno ricorrono i 110 anni dalla fondazione di Cbm. Era il 1908 quando il dottor Ernst Christoffel iniziò a lavorare con passione e dedizione per le persone cieche e ipovedenti. Dai primi passi della casa per non vedenti a Malatia, in Turchia, a oggi sono trascorsi 110 anni; anni in cui l’impegno di Cbm si è esteso e rafforzato. Nell’ultimo anno le persone raggiunte e curate da Cbm sono state oltre 35 milioni, nei Paesi più poveri di Africa, Asia e America Latina.

Cesare Picco è un pianista e compositore di fama internazionale. La sua musica unisce elementi della musica classica con quelli del jazz e della musica contemporanea. Nel 2009 ha creato il «Blind Date – Concerto al Buio» e da qui è nata la collaborazione con Cbm che ad oggi ha portato questa performance nelle principali città italiane, tra cui Milano, Padova, Roma, Napoli, Palermo e Bari. Cesare ha visitato sul campo i progetti oculistici di Cbm.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?