Salta al contenuto principale

Alla Bookique le narrazioni bizzarre di Giacomo Toni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

«Prendete Paolo Conte e immergetelo in una vasca piena di Lsd ed otterrete le sue bizzarre narrazioni pianistiche».
Sono le parole usate dal mensile Rolling Stone per definire la dimensione musicale di Giacomo Toni, il cantautore romagnolo che questa sera, alle 21, sarà sul palco della Bookique.

Autore, compositore, pianista e cantante, Giacomo Toni è noto agli appassionati del genere per l’utilizzo di un lessico paradossale e per i monologhi improvvisati che legano un brano all’altro. È considerato un musicista con il genio dei grandi vecchi e la forma di un giovane d’assalto grazie a testi pungenti, ormonali e surreali che arrivano a sconfinare nell’umorismo.

Allievo di Dimitri Sillato, ha assorbito le basi della tecnica pianistica jazzistica per condurla verso una personalissima sintesi sgarbata e diretta che lui stesso definisce di «piano punk». Al centro del live del cantautore dall’anima nichilista il suo quarto album «Nafta» uscito per Brutture Moderne. Un lavoro che conferma le qualità di Toni grazie ad una scrittura insolente e al tempo stesso colorata da un’ironia tutta emiliana. Il cd «Nafta» è maturato con la band in tour durante i viaggi in furgone e mette in evidenza un percorso dove l’amore è assente e dove sono, al contrario, presenti solitudine, velocità, lavoro, insolenza, sesso e motori.

Toni ha iniziato la sua carriera nel 2005 fondando il collettivo «Novecento Band»: una selezione di musicisti jazz, rock e punk di fama nazionale, con i quali ha intrapreso il suo primo tour. Nel 2010 il suo album di debutto, «Metropoli», seguito dal cd «Hotel Nord-Est», mentre due anni dopo entra a far parte della scuderia dell’etichetta indipendente «MarteLabel» per la quale uscirà il suo terzo disco «Musica per autoambulanze».

Nel 2011 ha iniziato un tour-tributo a Paolo Conte assieme all’artista Lorenzo Kruger (frontman dei Nobraino), con il quale costituirà poi il duo «Gli Scontati» senza dimenticare il suo lavoro come compositore di colonne sonore per spettacoli teatrali, mostre d’arte contemporanea e cortometraggi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy