Salta al contenuto principale

Morgan: inedito e più voci, servizio streaming

I progetti del cantante dopo il Premio Tenco

Chiudi

Morgan

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 46 secondi

Morgan torna con una canzone inedita piena di ospiti e un progetto originale di distribuzione. A margine della presentazione del Premio Tenco 2018 (18-20 ottobre), di cui sarà co-conduttore, il musicista ha parlato dei suoi piani futuri.

A partire dall’inedito «Cantautore», un brano a più voci di natura «modulare», che sarà diffuso sul suo sito dopo la fine del Tenco: «L’ho fatta cantare ai cantautori che conosco, senza passare dai manager. È gratis e tu scegli chi la canta, o se vuoi far cantare il ritornello a uno e la strofa a un altro», spiega Morgan.

Tra i 40 cantautori coinvolti Francesco Guccini, Roberto Vecchioni, Eugenio Finardi, Gino Paoli, Enrico Ruggeri, Alice, Sergio Cammariere, Alex Britti, Daniele Silvestri, Niccolò Fabi, Giuliano Sangiorgi, Federico Zampaglione, Giancarlo Onorato e Calcutta.

Morgan ha inoltre annunciato l’intenzione di distribuire contenuti audio-video incisi negli ultimi 15 anni attraverso un servizio di sottoscrizione ospitato dal suo dominio web: «Non faccio più dischi o libri, ogni giorno ti dò un prodotto diverso della mia creatività», dice Morgan. Tra le opere mai pubblicate che dovrebbero uscire così, i sei album del progetto «MS»: Musica Sociale, Musica Sentimentale, Musica da Stadio, Musica Straniera, Musica Scritta, Musica Sinfonica, ai quali si aggiunge la canzone sperimentale Musica Scientifica, per il quale ha detto di essersi consultato con l’esperto di intelligenza artificiale Douglas Hofstadter.

Allontanata ogni ipotesi di ritorno a X Factor: «Non mi è arrivata una proposta, ma soprattutto non l’ho fatta io. Lungi da me, dopo quello che è successo. Nelle prime due edizioni in Rai il livello era molto diverso, si lavorava bene musicalmente: ho fatto cantare Ciampi, Endrigo, Fossati, Pink Floyd, Bowie, Beatles, Bob Dylan, Ultravox. Cosa fanno oggi? Fanno i successini del momento, senza manco sentire se son belli o brutti. Io andavo rimosso: il pubblico mi voleva, i miei cantanti vincevano e vendevano dischi. Hanno dovuto dire che mi drogavo, hanno dovuto farmi sputtanare da tutti. Mi sento vittima di un potere».

E sull’esclusione di Asia Argento? «Non vorrei commentare, perchè sono affari suoi, perchè c’è in mezzo il fatto genitoriale e poi perchè quando sei stato coinvolto sentimentalmente devi mostrare rispetto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?