Salta al contenuto principale

Un festival africano di suoni, luci e colori

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

Comincia oggi Namounyi Farè (in italiano «danza tradizionale»), il festival africano giunto alla seconda edizione, che si svolgerà in Trentino fino a domenica.

Sono previsti ogni giorno aperitivi con l’autore, concerti tutte le sere e workshop. L’obiettivo del festival è valorizzare e promuovere l’espressione culturale ed artistica africana, in particolare di Guinea e Mali, attraverso le forme della danza, della musica e del canto al fine di far conoscere questo enorme patrimonio culturale e  sensibilizzare l’opinione pubblica verso una cultura delle differenze. Tre gli spettacoli previsti a Trento (ai Giardini Santa Chiara) oggi, ad Arco oggi, sabato e domenica (in piazza Segantini) e sabato a Pergine (al Teatro Comunale). In tutti i luoghi i concerti inizieranno alle 21, con la partecipazione di artisti di livello internazionale provenienti dall’Africa dell’Ovest che presenteranno un repertorio di canto, musica e danza tradizionale, con la  rappresentazione delle maschere tradizionali della Guinea  (Komadenu, Kunden e Dan) che renderanno lo spettacolo unico.

L’aperitivo a Trento oggi alle 18 sarà con  Naby Eco Camara, autore del libro «L’avventure est dure. Un guineano si racconta» (edito da Ebs) e con il curatore Paolo Mastromo, quale testimonianza dell’avventuroso percorso di un artista e griot africano, che ora vive da 13 anni a Milano.

Gli artisti coinvolti sono: Alseny Bangoura, ballerino e coreografo dalla Guinea. Poi ci sarà Assetou Diabaté, nata a Bamako in Mali in una famiglia di eccezionali griot. Alkahly Camara, attore, ballerino e coreografo, figlio del leggendario Sidiki Diabate senior. Mohamed Med Camara, conosciuto come «Le mani d’oro della sua generazione». Bamba Camara è percussionista e ballerino e si è formato in Guinea.

Amara Toure è un altro grande percussionista djembefola. Ci sarà anche Naby Eco Camara, che, oltre a suonare il balafon ha delle ottime doti canore. Ha collaborato anche con Ludovico Einaudi. Infine Bangaly Bangoura giovane percussionista djembefola proveniente dalla Guinea. L’evento è organizzato dalle associazioni Kike Yambe di Arco e Yan Kadi di Trento.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy