Salta al contenuto principale

Dolometal: la prima edizione del festival

Metal e hard rock oggi e domani a Predazzo

Malevolent Monkey propone due giornate con molte band e i Necrodeath come headliner

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

Il battito sonoro del metal e dell’hard rock segna la prima edizione del “Dolometal Festival” che si tiene venerdì 18 e sabato 19, al tedone Ottagono di Predazzo. Un evento, ad ingresso gratuito organizzato dal collettivo artistico Metal Malevolent Monkey, in collaborazione con l’associazione Atrio ed il patrocinio del Comune di Predazzo.

Ad aprire il concerto di venerdì, alle 17, il set degli “Asaar”, band ghotic emergente di cui si dice un gran bene seguiti dai “Come gatti nell’acqua” che propongono un hard rock grintoso con cantato in italiano. Sarà un set a tinte stoner ,con l’omaggio ai Kyuss quello, degli “El Rodeo”, mentre i “Wing Dick” punteranno sul glam metal e i “Mg66” su un corroborante thrash metal. Gli Atrio, storica hard rock della Val di Fiemme suonano cover di Ozzy Osburne, Ac/Dc e Led Zeppelin mentre i MezzoPalo, proporranno il loro energico hard rock fra cover e inediti del loro cd “Underskin Stories”.

Sabato amplificatori accesi alle 14 con i set di Eroinhead, Anguish Force, M.O.R.T.H, Dark Season, Iron Fist,  con un tributo ai brasiliani Sepultura, Dreadful Eyes e Keres. In serata spazio al gruppo veronese degli “Riul Domne” seguiti dai “Sign of the Jackal”, con il loro metal old school e dai “National SuIcide” band thrash metal trentina che scaldetà il palco per i Necrodeath la formazione headliner della prima edizione del Dolometal. I Necrodeath arrivano da Genova, sono attivi dal 1985 e sono riconosciuti a livello internazionale come una delle band che ha dato forma alle sonorità oscure del death metal. In questa occasione presenteranno i loro classici, tratti da lavori come “Into the macabre”, “Black as Pitch” e “Draculea” ma anche gli ultimi pezzi tratti dall’alnum “the Age of the dead Christ”. Alle spalle dei Necrodeath oltre trent’anni di musica che hanno costruito una vera e propria leggenda per gli appassionati del genere celebrata nel 2011 dalla raccolta “The Age of Fear”. F.D.S.
  

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy