Salta al contenuto principale

Martignano All Ska: il 18 maggio
la quindicesima edizione con tre band

La kermesse a tutto ska propone tre gruppi già protagonisti delle passate edizioni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

Anche quest’anno, ed è un filotto di quindici in fila, la collina di Martignano ballerà a ritmo di ska. Torna infatti venerdì 18 maggio la kermesse “Martignano All Ska vol.15” con tre band che suoneranno dalle 19 alle 24 nel segno dei ritmi in levare. “Per questa quindicesima edizione – raccontano all’Adige i ragazzi che da mesi lavorano all’organizzazione dell’evento - abbiamo deciso di richiamare tre gruppi italiani che hanno segnato positivamente per un motivo o per un altro l’anno in cui hanno calcato il palco di Martignano”. Ad aprire il festival saranno i The Jengi che con la sigla di Jengiska e the Shuzzy avevno partecipato alla prima edizione nel 2004 nella storica piazzetta dei Canopi: una formazione che è tornata di nuovo in azione con i suoi ritmi in levare dopo qualche anno di pausa

La seconda band sul palco sarà quella dei ragazzacci dei Maleducazione Alcolica, di Viterbo: nel 2014 : “Il loro suono aveva conquistato davvero tutti e grazie al loro impegno sia sociale che musicale stanno suonando in tutta la penisola e anche fuori grazie anche all'uscita del loro ultimo cd "Vele Nere" al centro di questo set”. Un gruppo che invece il "passo" lo ha già fatto e continua la sua crescita sono gli Nh3 già protagonisti di un live davvero incendiario due anni fa. Una band che suona regolarmente nei migliori festival europei e nazionali con alle spalle ben 16 anni di carriera, 5 album, compilation, più di 300 concerti ed un tour che non smette di stupire. La storia degli Nh3 inizia nel 2002 nel quartiere di Villa San Martino a Pesaro: l’amicizia che lega il nucleo storico del gruppo risale a molti anni prima e la passione per la musica aiuta i ragazzi ad amalgamare quella che sarà poi la formazione definitiva e attuale. Gradoni di stadi e palazzetti, l’amore per le radici del quartiere popolare di provenienza, l’ideale dello “united we stand” e dell’antirazzismo/antifascismo plasmano il carattere della band fin da subito.

 

Durante la festa ci saranno le bancarelle e i banchetti delle associazioni solidali come Amnesty International, CiaoNamastè e per la prima volta SeaShepherd Global: “Come ormai tradizione – sottolineano i ragazzi di Martignano Alla Ska- il ricavato dello skashop lo devolveremo interamente all'associazione CiaoNamastè per i suoi progetti in Nepal per fare del nostro festival non solo ska ma anche solidarietà verso il popolo nepalese tra i pià poveri al mondo”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy