Salta al contenuto principale

Ala, le «Inventioni» di Bonporti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 24 secondi

Iniziano oggi le classi del terzo Corso di musica antica «Città di Ala», organizzato dalla Società Filarmonica di Ala.

Concertisti affermati nonché esperti nel campo dell'interpretazione filologica sono titolari dei corsi, che si si concluderanno sabato 6 gennaio: Rossella Croce (violino barocco), Laura Pontecorvo (flauto traversiere), Luigi Lupo (flauto traversiere, flauto dolce), Gaetano Nasillo (violoncello barocco), Guido Morini (clavicembalo, basso continuo, improvvisazione). Le attività sono incentrate sul tema «Prima e dopo Francesco Antonio Bonporti».

Figura di primo piano nella scrittura violinistica, Bonporti sviluppò la sua arte giungendo a esiti unici e straordinari; la sua opera decima consta di dieci sonate a violino e basso continuo che l'autore chiamò «Inventioni», consapevole dell'originalità del proprio lavoro. Quattro delle «Inventioni» (la 2ª, la 4ª, la 5ª e la 7ª) furono ricopiate a scopo di studio da Johann Sebastian Bach: scoperte nel 1849, dato che l'autenticità della scrittura bachiana era incontestabile, gli furono erroneamente attribuite e furono incluse nel vol. XLV dell'opera omnia bachiana. A causa di questa errata attribuzione il nome di Bonporti ebbe una certa notorietà ben prima che si diffondesse lo studio sistematico e approfondito della musica antica: nel 1911 Werner Wolffheim scoprì casualmente l'errore, l'argomento delle «Inventioni» bonportiane venne poi trattato più diffusamente (nel 1918) da Charles Bouvet.

All'interno del corso sono diversi gli appuntamenti aperti al pubblico: domani (Palazzo Pizzini, ore 18.30 ) con un intervento di Daniele Valersi avrà luogo la presentazione del cd realizzato da Rossella Croce (violino) e Fabio Ciofini (basso continuo) «Inventioni da camera op. 10» di Francesco Antonio Bonporti, seguirà il relativo concerto; venerdì 5 (Auditorium della Cassa Rurale, ore 18.30) conferenza di Vania Dal Maso e presentazione del suo volume Teoria e pratica della musica italiana del Rinascimento (Lim, 2017); sabato 6 (Palazzo Pizzini, ore 18.30) si terrà il concerto conclusivo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?