Salta al contenuto principale

Il coro Dolomiti

rende omaggio a Fauri

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

È dedicato alla memoria del Maestro Rinaldo Fauri, ad un’anno dalla scomparsa, il concerto del Coro Dolomiti in programma domani, dalle 21, alla Filarmonica.

Il Coro Dolomiti di Trento, oltre a ricordare Fauri, presenterà in questa speciale occasione anche un Dvd e celebrerà i coristi che hanno segnato i primi 68 anni di storia della corale legata al capoluogo. Il maestro Rinaldo Fauri, mancato lo scorso anno, è stato sempre molto vicino al Coro Dolomiti con armonizzazioni dedicate e con un’assistenza artistica durata diversi anni. Alcune canzoni autoctone del Dolomiti portano, infatti, la sua firma e figurano ancora in repertorio come pilastri di una storia culturale ed umana tutta particolare, iniziata nel 1949.

In occasione dell’evento alla Filarmonica, ai familiari del compianto Maestro e alle autorità presenti saranno consegnate alcune copie del Dvd con le immagini della corale.
Il Coro Dolomiti è diretto dal maestro Tarcisio Battisti, mentre la serata sarà presentata dal presidente, il senatore Giacomo Santini. L’evento alla Filarmonica costituirà, come sottolineato, anche un momento d’incontro tra i coristi, di ieri e di oggi, tutti protagonisti di una storia di 68 anni di trasferte e successi.

Dal 1949 ad oggi, infatti, il Coro Dolomiti ha tenuto più di 1700 concerti in tutta Europa ed anche in Perù, oltre che al Parlamento Europeo, a Strasburgo e Bruxelles, alla Camera dei Deputati, al Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica e nella Basilica di San Pietro.

Nel corso della stagione estiva ha tenuto anche una decina di concerti in rifugi e malghe, riscuotendo grandi consensi tra i turisti italiani e stranieri. I canti tradizionali di montagna sono state le prime esecuzioni pubbliche, ma con il passare del tempo, si è arrivati ad un gusto interpretativo personale e la scelta del repertorio ha riscosso da subito l’interesse della critica e soprattutto del pubblico. Oltre che nei concerti, numerosi sono stati gli impegni per la partecipazioni a rassegne in Italia e nel Trentino. Da segnalare un’importante trasferta a Lima in Perù, nel 2005, per la partecipazione al I Festival Internacional de Coros.

Meritano di essere menzionati per la loro importanza anche i concerti eseguiti nella Gran Sala del Deutscher Museum di Monaco, nella Philharmonie di Berlino, nel Mozarteum di Salisburgo, nel Burgtheater di Vienna, nel Teatro Reina Victoria di San Sebastian. Vanno ricordate, inoltre, le svariate registrazioni radio-televisive per la rete nazionale pubblica, privata ed estera. Il Coro Dolomiti ha al suo attivo anche numerose incisioni con i più espressivi brani caratteristici del suo repertorio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?