Salta al contenuto principale

Addio Chris Cornell, addio anni '90:

morta la voce dei Soundgarden

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

«Io non avrei mai voluto scrivere queste parole per te. Pagine di frasi su cose che non faremo mai. Resta solo una cosa da dire: salutami il Paradiso». Parole di Chris Cornell, scritte nella primavera del 1990 per salutare l’amico Andy Wood, cantante dei Mother Love Bone. La canzone è Say Hello to Heaven. Ora quelle stesse parole sono tragicamente perfette per essere prese in prestito e salutare lo stesso Cornell che oggi, a 52 anni, è morto, lascinado la moglie e tre figli, gli amici musicisti e milioni di fan in tutto il mondo sconcertati.  

PJ20 - Temple of the Dog - Say Hello 2 Heaven - 9.3.11 Alpine Valley

Il ritrovamento del corpo a Detroit, dove ieri sera si era esibito con i suoi Soundgarden. A chiudere il concerto la canzone Slaves & Bulldozers nella quale, alla fine, Cornell ha accennato alcuni versi di In My Time of Dying dei Led Zeppelin: «Nel momento della mia morte voglio che non pianga nessuno, tutto quello che voglio che facciate è portare il mio corpo a casa». Poi gli amplificatori si sono spenti e Cornell ha lasciato il microfono. Per l’ultima volta, anche se nessuno avrebbe potuto immaginarlo. Gli amplificatori si sono spenti e Cornell ha lasciato il microfono. Per l’ultima volta, anche se nessuno avrebbe potuto immaginarlo. Poi la notizia: suicidio. Nessuno avrebbe potuto pensarlo. E vengono in mente i versi di Outshined, pezzo del 1991: I’m looking California and feeling Minnesota, sembro California e mi sento Minnesota.

In ogni caso se ne va una delle figure fondamentali nella storia del rock, nella storia di Seattle, nella storia della musica: i Soundgarden, naturalmente, ma anche gli Audioslave e soprattutto i Temple of the dog, probabilmente il picco più alto mai raggiunto da Cornell a livello artistico e vocale. A proposito: la voce. Quella potenza, quell’estensione straordinaria, quell’originalità, quella capacità di poter affrontare ogni tipo di canzone e renderla propria. Il paragone che viene in mente è con Robert Plant, ma non è certo di paragoni e classifiche che vive la musica, quanto di emozioni, di ricordi, di sentimenti. E di tutto questo Cornell era l’emblema, per intere generazioni. Le stesse che hanno pianto Kurt Cobain, Layne Staley, Shannon Hoon e Scott Weiland e che ora si trovano attonite a piangere Cornell. Con le lacrime sulle guance restano comunque le sue canzoni. Un palliativo, forse, ma anche un enorme contenitore dal quale attingere: oltre alla già citata perla dei Temple of the dog, ci sono i Soundgarden, gli Audioslave e i cinque dischi solisti. Una miniera, senza contare le collaborazioni e le performance dal vivo. 

Chris Cornell - Hunger Strike (Temple Of The Dog) live @ Teatro Degli Arcimboldi, Milano 19.04.2016

 

AudioSlave - Show Me How To Live - Live (2004)

Proprio domani uscirà ufficialmente la ristampa, anche in vinile, della colonna sonora di Singles, il film culto di Cameron Crowe uscito nel 1992 e ambientato negli anni novanta a Seattle: lì si troverà, tra pezzi di Alice in Chains, Mudhoney, Screaming Trees e Pearl Jam, Birth Ritual dei Soundgarden. Se vorrete capire fin dove potesse arrivare la voce di Chris Cornell, ascoltatela. Alzate il volume e ascoltatela. E dopo salutate, per sempre, gli anni Novanta.

[HQ] Soundgarden - Birth Ritual [Singles Blu Ray Rip] Full Screen

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy