Salta al contenuto principale

Leone d'oro della Biennale Arte

un spiaggia indoor Lituana

(e c'è un pizzico di Drodesera-Fies)

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

E' uno spazio interno trasformato in spiaggia con tanti performer-bagnanti, che impersonano gente comune al mare, mentre parla di cose banali, canta, sotto gli ombrelloni. "Sun & Sea Marina", la spiazzante perfomance firmata da Lina Lapelyte, Vaiva Grainyte e Rugile Barzdziukaite, curatrice Lucia Pietroiusti, è valsa alla Lituania il Leone d'Oro delle partecipazioni nazionali alla 58/a Biennale Arte.

 "Per l'approccio sperimentale del Padiglione - dice la motivazione - e il modo inatteso di affrontare la rappresentazione nazionale". Ha colpito la giuria "l'originalità nell'uso dello spazio espositivo, che inscena un'opera brechtiana, e l'impegno attivo del Padiglione nei confronti della città di Venezia e dei suoi abitanti". La performance - che durante la mostra si svolgerà un giorno alla settimana, il sabato - è una critica del tempo libero e della contemporaneità.

I perfomer sdraiati su lettini e asciugamani possono essere guardati dal pubblico da un loggiato in alto, "dal punto di vista del sole".

Non è una sorpresa, invece, per lo staff del Festival Drodesera-Centrale Fies. Come ricorda Virginia Sommadossi: «Chi c’era al festival di Dro lo scorso anno, nella sezione dedicata alla performance art -Live Works- starà ancora cantando la versione xenofemminista e antisessista di "Candy Shop" cantata da Lina Lapelyte e la sua crew di superf-donne». Una delle performance più intense ed apprezzate del festival trentino.

 

 

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy