Salta al contenuto principale

Premio Hemingway, Lilli Gruber

vince quale «testimone» dell'oggi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

È oggi la giornata del Premio Hemingway , 34ª edizione che si assegna a Lignano Sabbiadoro, città molto amata da Ernest Hemingway.
Il premio è stato vinto da quattro protagonisti della scena culturale del nostro tempo: Annie Ernaux per la Letteratura, Antonio Damasio per «L’avventura del Pensiero», Lilli Gruber quale «Testimone del nostro tempo» e Francesca Della Toffola per la fotografia. Il premio è un poliedrico omaggio alla personalità di Hemingway, un modo per ricostruire la sua dimensione di scrittore, di osservatore e narratore del suo tempo, di giornalista e corrispondente dalle prime linee dell’attualità.

Oggi giungono anche a conclusione gli Incontri del Premio Hemingway 2018: protagonista dell’appuntamento sarà uno dei volti del giornalismo italiano, Lilli Gruber, altoatesina, ormai ancorata stabilmente alla 7 con Paolo Pagliaro, già direttore dell’Adige. Gruber ha vinto il premio «per avere raccontato il presente nelle sue forme più complesse e dolorose - dalle migrazioni, alle guerre, al terrorismo - con stile rigoroso e grintoso, mostrando sempre forte personalità e autonomia intellettuale. La sua capacità di stimolare riflessioni negli ascoltatori e porre salutari dubbi nell’opinione pubblica, ci rende consapevoli che il giornalismo può diventare una forma privilegiata di cultura». Lilli Gruber sarà protagonista di una conversazione intorno a «Vita e giornalismo» in dialogo con Omar Monestier , direttore del quotidiano Messaggero Veneto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy