Salta al contenuto principale

Ricercatori spiegano scoperte

Cibio racconta la biomedicina

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

Il gruppo del Cibio (Centro di biologia integrata) dell’Università di Trento, che ha scoperto una sorta di arma di precisione contro il Dna malato, la proteina evoCas9, si mette a disposizione del pubblico. Lo fa per raccontare la scoperta e per rispondere alle domande di chi ha appreso la notizia come una speranza di cura.

Si tratta di una conferenza divulgativa per spiegare la rivoluzione in atto nella cura di tumori e malattie genetiche, ma anche di allergie e infezioni virali, il 28 febbraio alle 18, all’Auditorium di via Tommaso Gar a Trento, con ingresso libero.

Sarà anche annunciato il canale che l’Università ha attivato in modo che si possa dare un contributo diretto e immediato per sostenere la ricerca del Cibio per sviluppare nuove cure.
Ci saranno il rettore, Paolo Collini, il direttore del Cibio, Alessandro Quattrone, Anna Cereseto (responsabile Laboratory of Molecular Virology, Cibio) e Antonio Casini (primo firmatario articolo pubblicato dalla rivista «Nature Biotechnology»).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy