Salta al contenuto principale

Amicizia e tifo
in  «Ovunque tu sarai»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 1 secondo

Un viaggio On The Road, tra «Amici miei» e tifoseria calcistica, è quello che racconta l’opera prima di Roberto Capucci dal titolo «Ovunque tu sarai» con Ricky Memphis, Primo Reggiani, Francesco Montanari, Francesco Apolloni e Ariadna Romero in sala dal 6 aprile con M2 Pictures. Prodotto dalla Camaleo di Roberto Cipullo e Mario Pezzi in coproduzione con la spagnola Ulula Films, il film mette in campo quattro amici da una vita, Francesco (Reggiani), Carlo (Memphis), Loco (Apolloni) e Giordano (Montanari), che partono da Roma, direzione Madrid, per festeggiare l’addio al celibato di Francesco, ma soprattutto per fare l’ennesima trasferta insieme per andare a vedere la loro squadra del cuore (la Roma) in un match non da poco, quello contro il Real Madrid negli ottavi di finale della Champions League. Siamo infatti al 20 febbraio 2008.

Nel loro percorso incrociano Pilar (Romero), una splendida cantante spagnola che, come capita spesso quando una donna si ritrova da sola tra amici, porterà un certo scompiglio. Tra mille avventure, in un viaggio pieno di sorprese belle e brutte, i quattro amici dovranno confrontarsi con gli altri, e soprattutto con se stessi. Alla fine del viaggio nessuno di loro sarà quello di prima, insomma una trasferta che cambierà le loro vite tra molte risate, ma anche dolore.
Nel cast anche Davide Ricci, Alessandro Bardani, Astrid Pinero Herrera, Fabrizio Sabatucci, Cristiana Vaccaro, Jose Maria Blanco, Pino Insegno, Daniela Poggi e un cameo di Bruno Giordano, storico attaccante dell«odiatà Lazio.

Il film un pò si ispira a «Febbre a 90» (film del 1997 di David Evans, tratto dall’omonimo romanzo di Nick Hornby) - spiega oggi a Roma il regista -, ma in realtà parla a tutti i tifosi. Certo io gli metto addosso i colori della Roma, perchè sono quelli che conosco meglio. Comunque - aggiunge Capucci, classe 1975 - si sbaglierebbe a vedere in ‘Ovunque tu saraì un lavoro sul solo calcio è anche un film sull’amicizia, insomma tratta di temi universali».

Spiega invece Ricky Memphis:«è un film d’amore, quello per la squadra, quello per gli amici e quello per una donna».
Il mio rapporto con il tifo? Ho sempre avuto una grande passione per la Roma, ma non sono un tecnico, un esperto. Comunque quando vedo la partita soffro tantissimo. A 48 anni ancora piango o rido proprio come un innamorato».

Il 29 marzo ci sarà per «Roma Cares» un’anteprima del film a The Church Palace, attesi Francesco Totti e Daniele De Rossi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?