Salta al contenuto principale

Venezia, una mostra

omaggia Elio Fiorucci

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

Elio Fiorucci considerò la moda come «una filosofia di vita», una «espressione - dice Gabriella Belli, direttore dei Musei Civici di Venezia - dello spirito del tempo», di un'epoca in "totale subbuglio" che in Italia viveva il desiderio del nuovo, sull'onda lunga dei Beatles, e il peso delle lotte di classe, dei conflitti generazionali.

Il genio creativo di un "anticipatore di stili", di spazi di incontro tra moda, architettura e arti visive tra gli anni '70-80, è protagonista di "Epoca Fiorucci", mostra allestita nella Galleria d'Arte Moderna di Ca' Pesaro, a Venezia, da domani al 6 gennaio 2019.

Dopo l'esposizione dedicata alla "rivoluzionaria" Coco Chanel, gli spazi di Ca' Pesaro si aprono alla "moda democratica" di Fiorucci, un mix di colori, immagini e trasgressione. La mostra indaga il 'fenomeno Fiorucci', la moda alla portata di tutti: Il brand dei due angioletti - spiega Belli - offrì occasioni di indossare pillole di trasgressione, capaci di affrancare la moda del perbenismo dell'abito borghese.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?