Salta al contenuto principale

Venezia, una mostra

omaggia Elio Fiorucci

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

Elio Fiorucci considerò la moda come «una filosofia di vita», una «espressione - dice Gabriella Belli, direttore dei Musei Civici di Venezia - dello spirito del tempo», di un'epoca in "totale subbuglio" che in Italia viveva il desiderio del nuovo, sull'onda lunga dei Beatles, e il peso delle lotte di classe, dei conflitti generazionali.

Il genio creativo di un "anticipatore di stili", di spazi di incontro tra moda, architettura e arti visive tra gli anni '70-80, è protagonista di "Epoca Fiorucci", mostra allestita nella Galleria d'Arte Moderna di Ca' Pesaro, a Venezia, da domani al 6 gennaio 2019.

Dopo l'esposizione dedicata alla "rivoluzionaria" Coco Chanel, gli spazi di Ca' Pesaro si aprono alla "moda democratica" di Fiorucci, un mix di colori, immagini e trasgressione. La mostra indaga il 'fenomeno Fiorucci', la moda alla portata di tutti: Il brand dei due angioletti - spiega Belli - offrì occasioni di indossare pillole di trasgressione, capaci di affrancare la moda del perbenismo dell'abito borghese.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy