Salta al contenuto principale

Nella mente del tennista: pensieri, domande, dubbi e risposte

Tempo di lettura: 
2 minuti 52 secondi

Tra tutti gli sport esistenti, il tennis è forse quello dove la componente mentale è predominante. Riuscire a gestire i numerosi momenti di pausa, controllare l’ansia, la paura, la rabbia, la gioia è fondamentale per mantenere i nervi saldi e una performance costante durante il match. Le partite di tennis sono logoranti da un punto di vista mentale, possono durare anche delle ore e il silenzio che caratterizza questo sport rispetto al chiasso delle tifoserie di altri sport incrementano la percezione di tensione e la sensazione di solitudine degli atleti.

La necessità di sincronizzarsi con l’avversario, di catturare i suoi tempi di servizio, di leggere i suoi movimenti per capire dove indirizzare l’attacco e dove scattare per difendere richiedono capacità di concentrazione elevate.

Persino l’autostima e il senso di competenza possono vacillare di fronte a certi avversari che rispondono colpo su colpo. Conoscere i propri punti di forza in partita permette di focalizzarsi sugli aspetti tecnici, tattici, fisici e mentali che facilitano la prestazione e rafforzano la sicurezza e la fiducia nelle proprie capacità.

Saper dosare le energie è un aspetto che va allenato quotidianamente, sia da un punto di vista fisico con l’allenamento in palestra che mentale, cercando di ricreare situazioni complicate di gara in allenamento e cercando il modo migliore per affrontarle.

Il ritmo si crede, sbagliando, che sia una cosa innata, un talento, o ce l’hai o non ce l’hai. Non può esserci una credenza più errata, il nostro cervello continua a elaborare informazioni e le diverse aree cerebrali lavorano in ogni istante con un ritmo e una sincronia perfetti, grazie a questo respiriamo e le nostre funzioni psicofisiologiche possono continuare ad avvenire giorno dopo giorno. Il ritmo nel gioco del tennis può essere allenato per esempio con la visualizzazione: immaginando il movimento tecnico, la racchetta che colpisce la pallina, la sensazione del polso che imprime forza sulla racchetta e la pallina che si dirige verso il fondocampo seguendo un’ipotetica traiettoria.

L’atleta esperto sa che deve individuare il punto debole dell’avversario per penetrare le sue difese e conquistare il game. Inoltre deve conoscere sé stesso per capire come rimanere attivato e motivato durante tutta la partita e di fronte a qualsiasi ostacolo improvviso che si possa trovare ad affrontare.

È possibile sfruttare questa conoscenza gratuitamente in una giornata dedicata a chiunque fosse interessato ad approfondire queste tematiche, esperti del tennis o semplici appassionati sia da un punto di vista prettamente teorico che pratico su campo sabato 26 marzo 2018 al Circolo Tennis Rovereto presso la Baldresca.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?