Salta al contenuto principale

Lo scoiattolo, un protettore dei boschi

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

Una volta recuperato il proprio apparecchio, una delle sorprese più gradite per un “fototrappolatore” è sicuramente quella di trovare fotografie e video sullo scoiattolo.

L’ho definita una sorpresa gradita per vari motivi: in primis, perché non ci si aspetta quasi mai di veder scendere il piccolo roditore proprio dall’albero al quale si è fissata la propria fotocamera, ma anche perché, se ciò accade, il divertimento è assicurato dai suoi movimenti e dalle sue simpatiche acrobazie. Lo scoiattolo è, infatti, uno dei più piacevoli e spavaldi abitanti dei nostri boschi, non difficile da incontrare anche durante le passeggiate mentre si arrampica sugli alberi o salta di ramo in ramo usando la sua lunga e folta coda (anche di 15 - 20 cm di lunghezza) come un vero e proprio bilanciere.

Per chi, invece, ha come proposito quello di studiare le sue abitudini e i suoi comportamenti un indizio può essere molto utile nella scelta del luogo in cui posizionare la fototrappola: la presenza di pigne rosicchiate sul terreno sotto un albero è, infatti, il segno che proprio sui rami sovrastanti è solito fermarsi a mangiare e la sua tana non può essere di certo lontana!

Nei nostri boschi, poi, si possono incontrare due diverse tipologie di scoiattolo, lo scoiattolo rosso (anche detto scoiattolo comune) e lo scoiattolo grigio, facilmente distinguibile per la colorazione scura del manto. Quest’ultimo, a dire il vero, non è autoctono delle nostre zone, anzi, esso è originario dei boschi nord americani ed è stato introdotto da alcuni privati anche nell’arco alpino, arrivando a minacciare addirittura la sopravvivenza del suo cugino dolomitico.

Un’ultima cosa è molto interessante sulla vita e sulle abitudini di questi roditori che rappresentano dei veri e propri guardiani e protettori dei boschi: per sopravvivere al lungo inverno, infatti, sono soliti nascondere sotto terra ghiande, pinoli e noci come vera e proprio riserva e da queste, se la neve è troppo alta o se non vengono più ritrovate dallo scoiattolo, nasceranno nuove piante che contribuiranno al rinnovamento del bosco.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy