Salta al contenuto principale

Cannabis light, alcol e sigarette

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 14 secondi

Da qualche settimana a questa parte, dopo un periodo di progressiva liberalizzazione che ha portato a una crescita del settore piuttosto importante, la produzione, distribuzione e commercializzazione della cosiddetta “cannabis light” e dei suoi derivati ha subito un improvviso stop.

Prima sul fronte politico, con il deciso attacco «ai negozi che vendono marijuana» da parte del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Poi, è notizia di ieri, con il forse più incisivo pronunciamento della Cassazione che ha sancito come «reato» la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti «derivati dalla coltivazione della cannabis», come l’olio, le foglie, le inflorescenze e la resina.

Non sono un antiproibizionista radicale in materia di sostanze stupefacenti, benché riconosca la bontà di alcune argomentazioni di chi sostiene quella strada. E d’altra parte qui non si parla di legalizzare o meno l’uso di sostanze stupefacenti. Non sarebbe infatti corretto, anche se spesso viene fatto, mettere sullo stesso piano la vendita della “cannabis light” e lo spaccio di droga.

Quello che però mi ha colpito, ieri, quando le agenzie hanno battuto la news sulla sentenza della Cassazione, è stata la concomitante diffusione di un’altra notizia, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, che ha visto in prima fila la Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori.

In Trentino, secondo i dati dell’Osservatorio salute provinciale, ci sono 89 mila fumatori, il 25% della popolazione, che si fumano in media 11 sigarette al giorno. E ogni anno 700 persone muoiono a causa proprio delle sigarette. Due al giorno.

Ci sono i divieti per i minorenni, ma, come nel caso dell’uso di droghe, i più a rischio sono proprio i giovani, visto che, come ha scritto Laura Galassi sul nostro giornale, tra i 18 e i 24 anni è dipendente il 37% di ragazzi e ragazze, e il 20% dei 15enni ha fumato almeno una sigaretta negli ultimi 30 giorni.

Non basta. In Trentino due giovani su tre bevono, e  i consumatori considerati ad alto rischio tra gli 11 e i 24 anni sono ben 15.000, e si inizia a bere sempre prima. Senza considerare le fasce di età, 80 mila persone in Trentino sono considerate consumatori ad alto rischio e di queste circa 13 mila hanno problemi con l’alcol e hanno subito dei danni.

Insomma, senza cadere nel “benaltrismo”, questi dati, accostati alla determinazione con cui si è deciso di combattere il mercato della “cannabis light”, colpiscono.

Vietare è probabilmente la scelta più facile, e anche quella che fa più presa sull’opinione pubblica e sull’elettorato. Ma vietare, nel caso del fumo, e ancor più dell’alcol, sempre visto con una certa indulgenza, quando non con autentica simpatia, soprattutto alle nostre latitudini, risulterebbe alquanto complicato. Tanto vale ignorare il problema, dunque. O no?

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy