Salta al contenuto principale

Orsi, boicottaggi e lo sciopero del gulasch

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

Questa settimana è stata pesante per il Trentino. Per protesta contro l’uccisione dell’orsa, almeno sette turisti hanno deciso di boicottare i nostri prodotti. Non compreranno più gulasch di cervo, lucaniche di maiale, ragù di capriolo, filetto di camoscio, costine di agnello e alette di lepre. Tutti animali che, notoriamente, si mangiano da vivi.

Non entro nel merito dell’uccisione di KJ2, però mi chiedo: ma era necessario rendere pubbliche le foto dell’orsa uccisa? Non ci voleva un genio a capire che quelle foto avrebbero scatenato l’inferno. Non voglio insegnare niente a nessuno, ma nei panni di Ugo Rossi sarei stato più attento al brand Trentino.

Bastava andare al museo degli usi e costumi di S.Michele dove ci sono un paio di orsi impagliati, e fotografare un assessore a caso con un braccio dentro la bocca di uno degli orsi. Poi s’intitolava: «KJ2 aggredisce un assessore, l’animale è stato abbattuto. E poi abbiamo dovuto abbattere anche l’orso».

Ci sarebbero arrivati complimenti anche dall’Unione Europea. E invece, alle sei di mattina c’era già il web pieno di foto dell’orsa uccisa. Non hanno neanche fatto tempo a spararle che c’erano già le foto. Probabilmente non si trattava neppure di KJ2, era il Dallapiccola travestito da orsa in attesa che la forestale spedisse le foto vere.

Se con la stessa solerzia e risolutezza si dedicassero a contrastare il degrado in cui hanno portato Trento, saremmo a cavallo.

Ad ogni modo, è vero che appena pubblicate le foto dell’orsa si è scatenato l’inferno, ma è anche vero che, come per magia, proprio quando la maggioranza era in disaccordo su tutto, ecco nascere un fronte unito di difesa dagli attacchi extraregionali. E proprio quando l’opposizione si stava ricompattando, è tornata a dividersi... Quando si dice prendere i classici due piccioni con un’orsa.

Però rimane il problema del boicottaggio. Mio cugino di Padova doveva venire a fare il ferragosto in Trentino, ma sua moglie ha disdetto perché abbiamo ucciso l’orsa. Allora le ha proposto la Toscana, ma lei non vuole perché mangiano i cinghiali, pure quelli imbalsamati. La Sardegna neanche parlarne perché arrostiscono i maiali e lasciamo stare quello che succede alle pecore, in Abruzzo si mangiano pure le interiora... insomma per farla breve sono andati a Vicenza dove almeno si limitano ai gatti.

Un amico cacciatore mi faceva notare che noi trentini dobbiamo essere fieri perché abbiamo il migliore rimboschimento d’Europa. Va beh, lui non fa molto testo perché durante una battuta di caccia ha sparato alla suocera, e poi l’ha fatta imbalsamare. E gliel’hanno imbalsamata così bene che quando a fine lavoro gliel’ha riportata sembrava ancora viva. Infatti le ha sparato di nuovo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?