Salta al contenuto principale

Guardiamo i camionisti, e si capisce tutto

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

Esistono lavori sporchi ma indispensabili. Lavori antipatici che spesso sono irrisi e visti come intralcio, ma senza i quali vivremo tutti un po' peggio. No, non parlo della prostituzione. Pensiamo ad esempio al vigile, che quando siamo in macchina è visto come un nemico, ma quando attraversiamo piazza Dante a piedi, lo cerchiamo con gli occhi come fosse il messia. O pensiamo al pakistano che vende fiori al ristorante; quando si avvicina al nostro tavolo vorremo essere trasparenti, ma quando arriva un acquazzone improvviso e ci porta un ombrello gli sorridiamo pure. In altre parole, sono figure che in base al nostro tornaconto si trasformano da lodevoli a biasimabili.

Una di queste è l'autotrasportatore. Quando sulla statale della Val di Non ci troviamo incolonnati dietro a un camion gliene diciamo di tutti i colori, però poi andiamo a mangiare il pesce a Pejo e vogliamo che sia fresco. E con cosa credi che lo portino il pesce fresco a Pejo? Con le frecce tricolori? 

Io ammiro i camionisti perché sono da sempre un esempio, infatti si dice «el beve come en camionista» «el parla come en camionista», «el magna come un camionista». Perché è risaputo che si fermano solo in certi ristoranti e tutti gli automobilisti, intelligenti, a loro volta si fermano dove vedono i camion parcheggiati.

Quindi il camionista mangia sempre a gratis o quasi. Certo, oggi l'autotrasportatore è cambiato. Una volta i camionisti erano tutti omoni perché non c'era il servosterzo ed era tutta questione di muscoli, altrimenti nella sterzata ci entrava anche lo spigolo della casa. Oggi i camion sono tecnologici, curvano da soli e comunicano tra loro attraverso il computer. Una volta i camionisti si parlavano col CB, con tutti quei nomi aggressivi: Conan, Barracuda, Trapano... Poi con l'età i nomi cambiavano: Ernia, Cataratta, Reumatismo. Una volta ho sentito due anziani: «Catetere chiama pappagallo. Pappagallo dove sei?». «En bagno!». 

Certo, i camionisti non sono tutti uguali. Il loro carattere si può capire dal calendario appeso in cabina. Se c'è la foto di Nina Moric è un camionista che ama divertirsi, se c'è la foto di Luxuria, camionista e camion sono entrambi Intercooler, se c'è foto della Camusso non è un calendario, è un antifurto.

www.luciogardin.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy