Salta al contenuto principale

Jambow Jane un brano e un video per dare speranza nel segno del crowdfunding

La band di Riva dle Garda lancia una raccolta fondi per supportare il progetto "Give me hope"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

Anche i Jambow Jane, la band di Riva del Garda formata quasi interamente dai componenti della famiglia Oliveira Prada, si affida al crowdfunding per realizzare il nuovo singolo. E' iniziata da qualche giorno la campagna di raccolta fondi fondi on line legata al progetto "Give me hope. Un brano e un video per dare speranza". L'obiettivo dei Jambow Jane, oltre a quello di finanziare la nuova produzione , è quello di donare il 25% del ricavato all'Associazione brasiliana Aldeia di Limeira (São Paulo), che si occupa di riscatto sociale verso bambini disagiati. "È un modo - spiegano loro - per sostenere una realtà che svolge un lavoro fondamentale nel suo territorio e dare loro nuove speranze. I bambini di quest'associazione saranno anche protagonisti del videoclip che verrà girato in parte in Italia e in parte in Brasile durante i prossimi mesi".

 

Per chi appoggerà la loro iniziativa, come sempre accade con uno strumento legato al crowdfunding, i Jambow Jane hanno messo a disposizione tantissimi dei loro prodotti, tra cui album e magliette, ma non solo: c'è anche la possibilità di "prenotarli" per un concerto privato nella propria casa, oppure creare un evento con un loro concerto. Tutti i dettagli per la campagna che durerà fino alle 17 del 5 febbraio e delle ricompense previste sono disponibili direttamente sulla pagina Facebook del gruppo in cui si trova il link per accedere al sito di crowdfunding www.eppela.com. La scorsa estate i Jambow Jane, leggasi Marly Kerpe, Flavio Prada, Beatriz Oliveira Prada, Julio Oliveira Prada, Nick Petricci e Marcelo Oliveira Prada, sono saliti sul palco del Pistoia Blues Festival nella serata in cui si era esibito il leggendario chitarrista dei Genesis Steve Hackett. In quell'occasione hanno presentato alcuni brani del loro secondo album "Worlds and Bridges" ricco di contaminazioni fra rock, blues e ritmi carioca.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy