Lega, raccolta firme contro Comunità di Valle
legaSarà depositata a fine agosto in Consiglio provinciale la richiesta del gruppo della Lega Nord del Trentino di avviare a settembre la raccolta delle 8000 firme necessarie per indire entro marzo 2012 il referendum abrogativo delle Comunità di valle, istituite in Trentino nel 2010. Ne ha dato notizia l'intero gruppo consiliare della Lega nord del Trentino, con il sen. Sergio Divina e l'on. Maurizio Fugatti
 
icona commentaI tuoi commenti

La ricerca di Fbk per sviluppo territorio
Presentata al Collegio dei Fondatori e Sostenitori la relazione sul primo anno di attività dell’Area Innovazione e Relazioni con il Territorio. Coinvolte 91 aziende locali e 24 istituti superiori. Lanciati 4 nuovi spin-off
 
icona commentaI tuoi commenti

Fine vita: altri decideranno per noi
siringaSandra Tafner: «Sarebbe molto più giusto dare a ciascuno la facoltà di scegliere che cosa fare per sé secondo i propri princìpi, senza l'obbligo di seguire quelli altrui. Altrove non succede. In Gran Bretagna, ad esempio, l'Ordine dei medici di base ha stilato recentemente, in assenza di una giurisprudenza in proposito, la Carta delle linee guida per il trattamento dei malati terminali e si tratta di un codice deontologico che tiene conto in primo luogo della volontà di chi si trova a fine vita in determinate condizioni. I sondaggi rilevano che 7 inglesi su 10 si dicono d'accordo. Chi non lo è, ovviamente, resta libero di esalare l'ultimo respiro artificiale quando il cielo vorrà»
 
icona commentaI tuoi commenti

Zaia al Trentino: la Valdastico si fa
zaia«Con il presidente Dellai sono in contatto quotidiano - spiega il presidente del Veneto - ci siamo sentiti ieri e anche oggi. In questo momento Dellai ha un parere negativo, ma credo che comunque si possa parlare e trattare. Questa partita va discussa e chiusa in tempi brevi perchè è quanto ci chiede la nostra gente. Con 62 milioni di presenze turistiche siamo la prima regione italiana e per questo deve nascere una viabilità al passo con i tempi»
 

Durni, schiaffi a Trento «Lì costi politici doppi»
Durnwalder«Vogliamo abbattere le spese generali del 20% - ha spiegato - perchè riteniamo che questo sia uno dei compiti cui sono chiamati i pubblici amministratori. I componenti della Giunta si sono già ridotti del 15% le proprie indennità, dunque un primo passo in questa direzione è già stato fatto. In Trentino i costi della politica sono quasi il doppio rispetto all'Alto Adige»
 
icona commentaI tuoi commenti

Incendiato ripetitore:
rivendicazione anarchica
Un ripetitore telefonico della Vodafone a Trento sud è stato gravemente danneggiato da un attentato incendiario. L'azione, compiuta la scorsa notte in via Fersina davanti a Trentino Dolomiti, è stata rivendicata con un volantino priva di sigle ma di matrice anarchica - dicono i carabinieri - in cui si critica la Tav e si chiede «libertà per gli arrestati in val di Susa». «L'imprevidibilità della vità vi coglierà con il fuoco», conclude il volantino trovato dai carabinieri nei pressi del ripetitore incendiato. Il rogo è stato spento dai vigili del fuoco intervenuti dopo la segnalazione di un passante

Il Comune
vende all'Itea
itea casaCessioni di edifici e terreni all'Itea, vendite di immobili all'asta, ristrutturazioni di complessi come quello di via Bronzetti per ospitare uffici oggi in affitto e risparmiare sulle spese correnti. In più la permuta allo studio con la Provincia che, tramite Patrimonio del Trentino, acquisirà le cinque ex caserme austroungariche alle Viote di proprietà del Comune in cambio di uffici in città. Valore della permuta: intorno ai 2 milioni di euro

«Per il governo
Valdastico strategica»
valdasticoResta caldissimo il fronte Valdastico fra Trentino e Veneto. Dopo la dura presa di posizione di Alberto Pacher («Non saremo il canale di scolo del Veneto»), a passare al contrattacco ieri è stato Attilio Schnek, presidente dell'autostrada Brescia-Padova, che ha in cassaforte la concessione dell'A31. Pacher e Dellai si sentono garantiti da una sentenza della Corte Costituzionale, tuona, ma il «no» trentino non conta nulla: quell'opera, per il governo, è strategica. E oggi, in un convegno, Schneck mostrerà le sue carte
DANIELE BATTISTEL

icona commentaI tuoi commenti

Le donne chiedono al Comune
telecamere nei luoghi a rischio
Il consiglio delle donne ha recentemente affrontato il problema della sicurezza in città mettendo a punto un elenco di zone in cui si ritiene utile l'installazione di telecamere di controllo. La lista comprende quasi tutta la città. Eccola

«Bisogna pensare ad una mobilità inserita in un quadro complessivo». Con queste parole Alberto Pacher ha aperto stamane una conferenza stampa per illustrare lo scenario futuro della mobilità fra il Trentino e il Veneto. «È compito della politica - ha poi aggiunto - definire il quadro d'insieme che oggi, come delineato a livello europeo, punta a fare del Brennero un corridoio verde, da cui promuovere progetti di riqualificazione e di green economy, punta a potenziare il traffico su rotaia, ad individuare lo snodo intermodale principale di questa asse fra nord e sud nello scalo ferroviario di Verona, mentre la realizzazione della Valdastico creerebbe uno sbocco a nord di questo snodo vanificando gli sforzi per trasferire il traffico da gomma a rotaia»