Borgonovo Re: chi critica il piano

ospedali sconfessa se stesso

10 Ottobre 2014

Borgonovo Re

Non accenna a diminuire la polemica che si trascina ormai da alcune settimane all'interno della giunta provinciale sulla riorganizzazione del sistema ospedaliero trentino. Il progetto portato avanti dall'assessora alla Salute, Donata Borgonovo Re, è stato ampiamente criticato da alcuni colleghi di giunta. Proprio ieri l'assessore all'Urbanistica Mauro Gilmozzi (Upt), non a caso già sindaco di Cavalese dove il piano prevede lo stop al punto nascita, dalle pagine dell'Adige ha lanciato un chiaro avvertimento: «Se lei insisterà nell'andare dritta sulla sua strada, senza darci risposte, noi quel provvedimento non lo voteremo»


Riordino ospedali, Rossi

blocca Borgonovo Re

10 Ottobre 2014

Ugo Rossi e Donata Borgonovo Re

«Non ci sono le condizioni e il clima per decidere sulla rete ospedaliera: se ne riparlerà solo quando il presidente lo metterà all'ordine del giorno della giunta». Il governatore Ugo Rossi parla in terza persona. È inviperito per il continuo stillicidio di notizie apparse sull' Adige negli ultimi tre giorni (diversi approfondimenti anche nell'edizione oggi in edicola), relative al piano di tagli sui punti nascita e la riorganizzazione degli ospedali periferici, su cui da settimane ormai si sta discutendo in giunta e che l'assessora alla salute, Donata Borgonovo Re, ha auspicato che si possa definire la settimana prossima. Quell'approvazione lunedì prossimo non ci sarà. Il governatore ed ex assessore alla sanità ha deciso di bloccare ogni decisione

 

Il blog di Paolo Ghezzi


Salute mentale,

no al trasferimento

9 Ottobre 2014

Troppi muri, troppe scale, troppo buio. Il comitato spontaneo di operatori ed utenti che lavorano al Servizio di salute mentale di Trento dicono no al trasferimento negli ex uffici Cisl di via Santa Croce. Si appellano al Comune e alla Provincia chiedendo di innestare la retromarcia, di non cambiare «ciò che funziona molto bene», di non «sfrattare» i malati che oggi trovano ospitalità nei due piani del palazzo di via San Giovanni Bosco, l'ex Civica casa di riposo del capoluogo

Parla De Stefani (Video Tomasi)


Flash mob ad Arco: «Mamme,

allattate i figli fino ai 3 anni»

5 Ottobre 2014

Un gesto naturale, quello di una madre che allatta suo figlio. In sua difesa sono scese in piazza ieri mattina ad Arco decine di mamme. Si sono date appuntamento in piazzale Segantini con una maglietta bianca e, racchiuse in un enorme cuore di balle di fieno, hanno allattato al seno i loro bambini. Accanto a loro i papà, ma anche l'amica, la sorella, la nonna. Un flash mob in contemporanea con centinaia di altre piazze in Italia, per incentivare l'allattamento materno e per rafforzare la sensibilizzazione sui molteplici benefici che ne derivano


Nel Nordest i dipendenti

che si ammalano di meno

5 Ottobre 2014
medico
Tra i lavoratori dipendenti più «cagionevoli» troviamo i calabresi, i siciliani, i campani (con 19,4) e i pugliesi. Gli operai e gli impiegati più «robusti», invece, li troviamo a Nordest: in Veneto le assenze per malattia scendono a 15,5 per toccare il punto più basso nel Trentino Alto Adige, con 15,3 giorni. Nel pubblico ci si ammala più spesso, ma mediamente si perdono meno giorni di lavoro che nel settore privato

Esami cardiologici 

su tablet e smartphone

1 Ottobre 2014

tablet ipad tecnologia appI medici e gli operatori sanitari potranno ricevere direttamente su tablet o smartphone i risultati degli esami cardiologici richiesti ai loro pazienti grazie ad un nuovo dispositivo in fase di realizzazione da parte di un'azienda insediata nel Polo tecnologico di Rovereto. A differenza delle apparecchiature già in uso, il team di Medicaltech sta sviluppando un sistema diagnostico multifunzione integrato in grado di operare in mobilità, grazie ad un dispositivo mobile e ad una centrale di telemedicina


Il tumore al seno,

nemico da sconfiggere

1 Ottobre 2014

Informare ma soprattutto sensibilizzare il maggior numero di persone sull'importanza della prevenzione per combattere il tumore al seno. Torna la campagna «Nastro Rosa», l'iniziativa che vede in prima linea la Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) con una due giorni di iniziative, venerdì 3 e sabato 4 ottobre, in piazza Battisti. Con Lilt testimonial d'eccezione sarà l'atleta pluricampionessa Francesca Dallapè


Fecondazione eterologa

si rimane in alto mare

28 Settembre 2014

Le coppie che vorranno tentare di avere un bambino ricorrendo alla fecondazione eterologa dovranno spendere tra 400 e 600 euro, a seconda della regione scelta per l'intervento. Dovrebbe valere anche in Trentino Alto Adige la decisione assunta giovedì scorso dalla Conferenza delle Regioni di considerare anche questa tecnica di procreazione medicalmente assistita, resa possibile da una sentenza della Corte costituzionale, come un intervento rientrante nei «Livelli essenziali di assistenza» (Lea) garantiti dal Servizio sanitario nazionale


«Prevenzione, visite gratis

da dentisti privati»

28 Settembre 2014

dentista dentistiOdontoiatri che su base volontaria e gratuitamente eseguono le visite di prevenzione nelle scuole consentendo all'Azienda sanitaria di utilizzare gli igienisti dentali che attualmente sono impiegati negli screening in progetti di formazione ed educazione sul territorio. Questa la proposta che arriva dalla commissione istituita ad hoc dal consiglio direttivo dell'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri presieduta da Fausto Fiorile. La proposta è stata presentata all'assessora Borgonovo Re che per il momento non ha dato risposte


Punti nascita trentini:

«Occorre più sicurezza»

25 Settembre 2014

neonato pianto

A parte la situazione di Trento e Rovereto, negli altri ospedali ci sono «2.000 parti ogni anno lasciati avvenire in situazioni» che vanno messe in totale sicurezza. «La politica decida in fretta perché non possiamo far correre il rischio alle persone di vivere nell'insicurezza e ai medici di operare nell'insicurezza». Marco Ioppi, a capo del Dipartimento di ostetricia e ginecologia a Rovereto, pone una richiesta urgente «con il cuore in mano» alla giunta provinciale