Cooperativa di dentisti

con tariffe low cost

15 Ottobre 2014

Si chiama "Sorriso amico" il progetto della cooperativa sociale Fidente, composta da 30 odontoiatri di tutto il Trentino, che offre assistenza a chi è escluso dal sistema sanitario e non è in grado di pagare le tariffe private. Come è stato spiegato oggi in una conferenza stampa, possono accedere al servizio i cittadini residenti sul territorio provinciale da almeno tre anni e in possesso di Icef aggiornato compreso tra 0.20 e 0.25. L'utente può risparmiare circa il 50% rispetto ai prezzi di mercato


Ticket sanità: «Aumentare

le tasse non è governare»

15 Ottobre 2014

euro

Il direttore Pierangelo Giovanetti commenta l'intenzione del governo Rossi di introdurre il ticket sanitario aggiuntivo su ogni singola ricetta per i farmaci e per le visite specialistiche. L'obiettivo è di incassare circa dieci milioni di euro. «Ecco la più banale e scontata delle manovre del non-governo: far pagare di più i cittadini introducendo i ticket. Ma è questo il nuovo governo del Trentino del cambiamento e della discontinuità? È questa la giunta che deve riformare l'Autonomia per far fronte al miliardo e 300 milioni in meno l'anno? È la novità introdurre ticket e nuove tasse?», si chiede il direttore

 

10 milioni grazie ai ticket

I tuoi commenti


Sanità, ecco i ticket

su farmaci e «specialistica»

15 Ottobre 2014

rossi borgonovo

La Provincia introdurrà il ticket sanitario aggiuntivo su ogni singola ricetta per i farmaci e per le visite specialistiche. L'obiettivo è di incassare circa dieci milioni di euro: il Trentino era rimasto tra le poche realtà a non applicare il ticket aggiuntivo rispetto a quello nazionale e l'Azienda sanitaria sta già realizzando delle simulazioni sui criteri da attuare. L'assessore Donata Borgonovo Re assicura che i sacrifici non risulteranno uguali per tutti: «I tagli nella sanità non saranno lineari: cercheremo di intervenire con intelligenza e il meno possibile»


Sanità, ecco i nuovi ticket

Tagli anche alla scuola

13 Ottobre 2014

Ugo Rossi e Donata Borgonovo Re

Nuovi ticket sulle prestazioni sanitarie e sui servizi sociali, tagli anche a settori delicati come scuola, sanità e assistenza, stop all'agevolazione sull'addizionale regionale Irpef per i redditi sotto i 15 mila euro. È il menù dal sapore amaro che la Provincia si appresta a servire ai trentini a partire dal 2015. Misure necessarie, secondo il governatore Rossi, per far quadrare un bilancio sempre più complicato. Fino al 2018 la Provincia dovrà garantire ogni anno allo Stato un concorso finanziario di 1,38 miliardi di euro, mentre le entrate diminuiranno

 

I tuoi commenti


Paura Ebola a Roma

Allarme rientrato

13 Ottobre 2014

ebolaSecondo le prime informazioni l'immigrato trasportato stamani all'Umberto I a Roma avrebbe avuto un attacco di epilessia. I primi accertamenti medici al nosocomio romano escluderebbero il contagio da Ebola. Stamane, l'uomo, un africano, ha accusato un malore nell'Ufficio immigrazione della Questura di Roma e sul posto è intervenuto il 118


Parcheggi per i disabili:

«Ora basta agli abusivi»

13 Ottobre 2014

contrassegno-invalidi1-456x308.jpg

Continua a tenere banco a Trento, ma non solo, il problema dei parcheggi riservati ai portatori di handicap occupati da chi è privo di permesso. Andrea Facchinelli, vicepresidente dell'Associazione Trentina per Invalidi e Disabili Onlus, ha scritto una lettera all'Adige per chiedere che si ponga una volta per sempre fine a questo fenomeno


Sanità, ultimatum

del Pd a Ugo Rossi

11 Ottobre 2014

rossi borgonovo

Sanità, ultimatum del Partito democratico al governatore Ugo Rossi. Non piace lo «stop» annunciato dal presidente della Provincia al piano di tagli agli ospedali portato avanti dall'assessore Donata Borgonovo Re. La segretaria Giulia Robol spiega: «Stiamo parlando di un grande problema interno alla giunta, che non si risolverà con l'ennesimo rinvio». Il vicepresidente Alessandro Olivi vede invece un clima favorevole «a chi è nemico del cambiamento». Insomma, tutte le riforme sono a rischio e la crisi di giunta dietro l'angolo


Borgonovo Re: chi critica il piano

ospedali sconfessa se stesso

10 Ottobre 2014

Borgonovo Re

Non accenna a diminuire la polemica che si trascina ormai da alcune settimane all'interno della giunta provinciale sulla riorganizzazione del sistema ospedaliero trentino. Il progetto portato avanti dall'assessora alla Salute, Donata Borgonovo Re, è stato ampiamente criticato da alcuni colleghi di giunta. Proprio ieri l'assessore all'Urbanistica Mauro Gilmozzi (Upt), non a caso già sindaco di Cavalese dove il piano prevede lo stop al punto nascita, dalle pagine dell'Adige ha lanciato un chiaro avvertimento: «Se lei insisterà nell'andare dritta sulla sua strada, senza darci risposte, noi quel provvedimento non lo voteremo»


Riordino ospedali, Rossi

blocca Borgonovo Re

10 Ottobre 2014

Ugo Rossi e Donata Borgonovo Re

«Non ci sono le condizioni e il clima per decidere sulla rete ospedaliera: se ne riparlerà solo quando il presidente lo metterà all'ordine del giorno della giunta». Il governatore Ugo Rossi parla in terza persona. È inviperito per il continuo stillicidio di notizie apparse sull' Adige negli ultimi tre giorni (diversi approfondimenti anche nell'edizione oggi in edicola), relative al piano di tagli sui punti nascita e la riorganizzazione degli ospedali periferici, su cui da settimane ormai si sta discutendo in giunta e che l'assessora alla salute, Donata Borgonovo Re, ha auspicato che si possa definire la settimana prossima. Quell'approvazione lunedì prossimo non ci sarà. Il governatore ed ex assessore alla sanità ha deciso di bloccare ogni decisione

 

Il blog di Paolo Ghezzi


Salute mentale,

no al trasferimento

9 Ottobre 2014

Troppi muri, troppe scale, troppo buio. Il comitato spontaneo di operatori ed utenti che lavorano al Servizio di salute mentale di Trento dicono no al trasferimento negli ex uffici Cisl di via Santa Croce. Si appellano al Comune e alla Provincia chiedendo di innestare la retromarcia, di non cambiare «ciò che funziona molto bene», di non «sfrattare» i malati che oggi trovano ospitalità nei due piani del palazzo di via San Giovanni Bosco, l'ex Civica casa di riposo del capoluogo

Parla De Stefani (Video Tomasi)