Inceneritore, parte il ricorso europeo
L'amministrazione comunale continuerà la sua battaglia contro l'inceneritore anche dopo le sconfitte al Tar e al Consiglio di stato. L'ha annunciato il sindaco, Mauro Fiamozzi , rispondendo nel consiglio comunale di giovedì sera a un'interpellanza del gruppo di Unione e Partecipazione. Fiamozzi ha informato l'assemblea che, assieme al Comune di Lavis, si sta aprendo l'ipotesi di inviare un ricorso a Strasburgo, alla Corte europea dei diritti dell'uomo
 
icona commentaI tuoi commenti

Ladri in azione a Lavis, bottino dei furti 10mila euro
Ammonta a 10 mila euro il bottino di cinque furti commessi la scorsa notte in altrettante ditte di Lavis. I ladri, dopo aver forzato gli ingressi, hanno forzato sul posto le casseforti impossessandosi dei denari. In un caso, in un'azienda di igiene ambientale, hanno forzato una cassaforte a muro provocando danni stimati in 20 mila euro. Solo una delle ditte aveva un sistema d'allarme, peraltro disattivato dai ladri. Sui furti indagano i carabinieri

Nulla, nemmeno la pioggia, rovina la 38ª Grasparola
Nonostante le pessime condizioni atmosferiche si è regolarmente svolta la 38ª edizione della corsa amatoriale «Grasparola», che in assoluto è la marcia non competitiva più anziana a livello regionale. Evento organizzato dal “Gruppo Sportivo Pergolese-Circolo Ricreativo Culturale” presieduto da Arrigo Pisoni, in stretta collaborazione con “L'Unione Sportiva 2 Laghi” diretta da Lorenzo Rigotti
ROBERTO FRANCESCHINI

Incursione al convegno
«Vino & Marketing»

«Il tema del convegno di oggi (ieri, ndr) segnala che i poteri forti dell'agricoltura trentina e la politica provinciale continuano a muoversi in un'ottica di breve medio periodo che privilegia il profitto immediato, a scapito dell'ambiente, dell'economia locale e non da ultimo della salute dei cittadini». Sono queste le motivazioni che hanno spinto una ventina di giovani e non a irrompere questa mattina nell'aula magna della Fondazione Mach dove era in corso un convegno sul marketing del vino. Video di Centro Sociale Bruno

I norvegesi in pista
ad Andalo e Fai
nazionale sciGli yankees a stelle e strisce se ne vanno e lasciano il posto ai vichinghi; dopo cinque anni, il team dell'Us ski di Bode Miller e Ted Ligety abbandona la Paganella come sede degli allenamenti invernali e passa il testimone alla forte staffetta norvegese. Ieri è stato perfezionato il contratto tra i dirigenti della Federsci norvegese, l'Apt della Paganella, la Trentino Marketing e il Consorzio Skipass Paganella

Flavia D'Arsiè, sabato il funerale
Flavia D’Arsiè non ce l’ha fatta, non è sopravvissuta alle gravi ferite  riportate lunedì nell’incidente motociclistico che l’ha vista coinvolta, nei pressi di Moena, insieme al marito Salvatore Dorigati. Dopo due giorni di agonia trascorsi nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santa Chiara di Trento, il suo fisico ha ceduto. La notizia ha gettato nello sconforto la famiglia e in particolare le figlie Silvia e Michela, di 15 e 8 anni. Il funerale si svolgerà sabato

«Vivono in casa mia
ma non pagano»
«Integrazione multietnica? Non me ne parlate. Qui gli stranieri hanno capito che sono più tutelati dei cittadini residenti e ne approfittano». È l'amaro sfogo di Raffaella Dallagiacoma , sessantasettenne lavisana, invalida civile, vittima - a suo dire - di un autentico sopruso perpetrato nei suoi confronti da un gruppo di cittadini rumeni. La donna è proprietaria di un mini-appartamento a Lavis, affittato per anni ad una coppia di rumeni con contratto regolarmente registrato, tornata in patria nella scorsa primavera

Schiacciato dalla croce al cimitero, grave 70enne
infortunio giovoSchiacciato da una croce del cimitero nel giorno di Ognissanti, un anziano è uscito ferito, con un trauma cranico giudicato grave. È accaduto stamattina in Trentino a un ex sacrestano, impegnato a sistemare dei fiori sulla croce in questione, nella frazione Ville di Giovo, in Val di Cembra, a una ventina di chilometri da Trento. Le sue condizioni sono gravi

Paramassi, i canadesi investiranno a Lavis
Il Presidente della Igor Paramassi, Peter Perreault ed il responsabile degli investimenti per l’export del Fondo FTQ, Jean Archambault, hanno informato l’assessore Olivi del progetto industriale cui stanno lavorando e che prevede di concentrare proprio a Lavis le attività attualmente svolte all’estero (Bulgaria, Francia, Ucraina). Entro i prossimi tre anni la Igor Paramassi prevede così di raddoppiare il fatturato, portandolo a quota 8 milioni di euro, e l’occupazione, con l'obiettivo di impiegare 25 - 30 unità
 
icona commentaI tuoi commenti

«L'Istituto di San Michele
ostacola il biologico»
verdura e fruttaNon sono malattie delle piante e parassiti i veri nemici dell'agricoltura biologia in Trentino, ma i grandi consorzi agroalimentari e lo stesso istituto di San Michele, oggi Fondazione Mach. È un durissimo atto di accusa, quello che i coltivatori «bio» hanno fatto emergere ieri, in occasione di un acceso confronto nell'ambito della fiera «Fa' la cosa giusta», che con dodicimila visitatori ha segnato il record di presenze. Sarebbe l'unione di questi due «poteri» a limitare la possibilità di diffusione di una sistema agricolo sostenibile
LORENZO BASSO

icona commentaI tuoi commenti