Fisco: altri 14,7 miliardi

di tasse nel 2013

4 Gennaio 2013

assicurazioneIl 2013 si presenta con un carico di tasse in più per 14,7 miliardi di euro, che comporterà un aggravio di 585 euro per ciascuna famiglia. Quest'anno però la pressione fiscale, tenuto conto anche degli effetti della Legge di stabilità, secondo la Cgia di Mestre si attesterà al 45,1% del Pil, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni elaborate dal governo nel Documento di Economia e finanza. La stima conferma in parte quanto già denunciato la scorsa settimana da Adusbef e federconsumatori, che hanno previsto per il 2013 un aggravio di costi per famiglia pari a 1.490 euro, tra rincari, aumenti di tariffe, tasse, eccetera


Apt, nel 2012 personale

è costato 2,3 milioni

3 Gennaio 2013

sci sciare piste neve turismoL'ufficio previdenze e stipendi della Provincia ha evidenziato, a consuntivo, una spesa complessiva per il 2012 del personale provinciale messo a disposizione delle Apt pari a 2 milioni 388.894 euro. Tolti i 67.300 euro da scorporare per le sostituzioni di congedi e malattie, l'importo finale che dovrà incassare la Provincia risulta pari a 2.321.591 euro. Successivamente si definiranno i relativi finanziamenti per le singole Apt.


La crisi colpisce

anche i «top manager»

3 Gennaio 2013

euro

Per i manager pubblici, quelli della cosiddetta «Provincia spa», la società più appetibile resta Trentino Network, almeno dal punto di vista dei compensi. Ma la crisi, e i conseguenti tagli agli emolumenti, colpisce anche qui. Il più pagato nel primo semestre 2012, tra gli amministratori delle spa pubbliche, è dunque il numero uno operativo della società informatica, Alessandro Zorer, con 66.500 euro


Auto-impiego, soldi

anche ad ex soci coop

3 Gennaio 2013

I sostegni - fra i 4 e i 7mila euro una tantum - per i disoccupati che si inventano un'impresa, sono estesi anche agli ex soci di cooperative, mentre la figura del co-manager ideata per aiutare le imprenditrici madri potrà essere anche maschile, e non solo femminile. Sono due delle novità introdotte nel piano di politica del lavoro 2011-13, modificato - nell'ultima seduta del 2012 - dalla giunta provinciale, che ha accolto le proposte avanzate dalla commissione provinciale per l'impiego riunitasi il 17 dicembre


Più disoccupati nel 2013

Trentino Alto Adige al 5,8%

3 Gennaio 2013

Il 2013 non sarà l'anno della svolta per il lavoro. Anzi: lper il sud sarà un anno drammatico, mentre tutte le altre regioni vedranno aumentare la quota di senza lavoro. Ma c'è una consolazione: il Trentino-Alto Adige, pur non salvandosi dal trend negativo, resterà ancora la miglior regione d'Italia, con meno del 6% di disoccupati. È quanto emerge dagli «Scenari di sviluppo delle economie locali italiane» realizzati da Unioncamere e Prometeia, che fotografano l'andamento dell'occupazione nell'anno delle elezioni politiche


Lavoro, per il Sud 2013 drammatico

2 Gennaio 2013

Il 2013 non sarà l’anno della svolta per il lavoro. Anzi: per il sud sarà un anno drammatico, mentre tutte le altre regioni vedranno aumentare la quota di senza lavoro. Ma c’è una consolazione: il Trentino-Alto Adige, pur non salvandosi dal trend negativo, resterà ancora la miglior regione d’Italia, con meno del 6% di disoccupati


Palaghiaccio e piscine,

aumenti del 3,5 per cento

2 Gennaio 2013

piscina piscineNon sono soltanto gli asili nido e i biglietti dell'autobus che aumentano. Il 2013, come del resto avviene ogni gennaio, porta con sè il rincaro di tante altre tariffe e di servizi che vengono utilizzati dai cittadini. È il caso degli impianti sportivi. Da ieri andare in piscina costa il 3,5 per cento in più. Se fino al 31 dicembre scorso per un ingresso singolo un adulto pagava 5,70 euro, ora ne paga 5,90. Certo, 20 centesimi in più risulta tendenzialmente indifferente per un comune portafogli, ma se invece pensiamo in valore assoluto quasi 6 euro per un bagno possono decisamente apparire una cifra consistente


Saldi, già partita

la caccia ai primi "affari"

1 Gennaio 2013

saldi23_ale1477_8673766

I commercianti si sono detti pienamente soddisfatti dell'esito delle domeniche d'apertura straordinaria, evidenziando come, nonostante la crisi economica imperversante, le vendite siano diminuite in modo limitato. Pare, infatti, che i consumatori abbiano puntato su acquisti mirati, moderando la spesa per i generi di lusso e indirizzandosi sui prodotti meno costosi e di carattere culturale. Non a caso, sono state le librerie del centro ad essere veramente prese d'assalto in questi giorni, ed era frequente imbattersi in una lunga fila di acquirenti, tutti forniti di alte pile di libri

Farete acquisti durante i saldi?

 


Bollette e autostrada:

capodanno di aumenti

31 Dicembre 2012

autostrada A22

Primo gennaio con molti aumenti tariffari per i trentini, avvio di un anno in cui sono molte le novità in termini di pagamenti. Accanto all'autostrada, per la quale si prevede un incremento medio dell'1,21%, e al gas, che salirà dell'1,7%, ecco che con il primo dell'anno ci sarà da mettere mano al portafoglio anche per i prezzi degli abbonamenti del trasporto urbano di Trento (+1,5%), e per gli asili nido sempre per il capoluogo (dall'1,5% al 6%). Dall'anno entrante poi ci saranno gli incrementi sulle case di riposo che risparmieranno pochi istituti in provincia. Da luglio sale anche l'Iva dal 21 al 22%, mentre anche il biglietto dell'autobus a Trento salirà da 1 a 1,2 euro a partire da marzo


Imprenditorialità giovanile,

in arrivo 20 milioni di aiuti

29 Dicembre 2012

ragazzi studenti scuola giovani

Prende corpo il progetto per sostenere la nascita o il consolidamento di iniziative imprenditoriali promosse da giovani fino ai 35 anni, contenuto nella Finanziaria 2013 e considerato strategico per stimolare la crescita economico-sociale del Trentino. La Giunta provinciale ha approvato oggi con un conchiuso le nuove misure operative per dare concreta attuazione ai principi generali del progetto,  indicando in particolare i soggetti responsabili, le modalità di attuazione e le risorse finanziarie, che fanno capo al Fondo europeo di sviluppo regionale-Fesr (6.500.000 euro nel triennio 2013-2015) e al Fondo sociale europeo-Fse (12.900.000, a valere sul bilancio provinciale 2012-2015)