Albere, in costruzione l'albergo a 4 stelle

Mentre arriva la biblioteca di ateneo e potrebbe esservi ospitata anche la nuova sede dell'Inail, nel nuovo quartiere delle Albere è in costruzione l'albergo a quattro stelle da tempo previsto sull'area. Il progetto però è cambiato col tempo e anzi è in fase di ulteriore definizione. Lo scorso 12 settembre Castello sgr, la società di Isa, Mittel, Fondazione Caritro, Itas a cui fa capo il fondo immobiliare Clesio proprietario della ex Michelin, ha costituito Le Albere Hotel srl, società controllata al 100% che gestirà il progetto alberghiero.
Le Albere Hotel ha come oggetto sociale la costruzione, l'acquisto, la vendita nonché la gestione, l'esercizio, sia in proprio sia attraverso terzi affittuari, di strutture per la ricettività turistica, alberghi, ristoranti, bar, piscine, nonché l'organizzazione di eventi e l'acquisizione di licenze di esercizio e autorizzazioni per queste attività. Amministratore unico è  Filippo Tealdi , responsabile del fondo Clesio. Del nuovo progetto si sa che l'albergo è a quattro stelle, dovrebbe avere 90 stanze e il valore dell'iniziativa dovrebbe superare i 20 milioni di euro. «Tra alcune settimane il progetto sarà definito» dice Tealdi. Ma dopo la costruzione, l'hotel sarà dato in gestione? «Potrebbe esserci un gestore professionale - aggiunge Tealdi - ma anche questo è da verificare».
Tealdi ieri era impegnato a firmare contratti preliminari sugli spazi del quartiere. Alle Albere hanno aperto i primi negozi, mentre il trasferimento dell'Isa e quello della sede centrale Itas slittano a causa dei ritardi del Comune.
Il quartier generale dell'Itas, costato 52 milioni, ospiterà 350 dipendenti ma il trasloco dall'attuale sede di via Mantova è spostato a febbraio perché il Comune, secondo il direttore della compagnia assicurativa  Ermanno Grassi , è in ritardo con l'abitabilità e ci sono ancora dei lavori da completare.
La nuova sede Itas, oltre ad essere costruita con i criteri green del quartiere progettato da  Renzo Piano , avrà anche alcune «sorprese», in particolare una palestra centro wellness aperta a tutti. Non ci sarà invece il ristorante, ma solo perché ne aprirà uno proprio di fronte.

25 commenti

Ma quelli che parlano dell'occupazione degli hotel ne parlano perché sanno o perché ci lavorano? A me non sembra. se si apre un hotel alle Albere bem venga. a Trento manca l' offerta. Più offerta più possibilità di richiesta. per non parlare poi che a Trento serve concorrenza, su tutto. Siamo un popolo che segue la massa, basti pensare a dove tutti si va a fare aperitivi.
Nuovo hotel 4*? Speriamo lo facciano bene... Io mi fido!

la baraccopoli del vescovo

In quella zona possono fare sempre tutto ciò che vogliono? Esiste un PRG? Non si tratta forse di cambio di destinazione d'uso? Noi dobbiamo sottostare alle rigide regole del Comune e perché questa società fa e disfa quando, come e ciò che vuole?

... e io pago!!!

Ah! Pure l'inail? Questa é una novità ! Quindi ancora soldi pubblici (leggi, soldi nostri)

Lo facciano senza contributo pubblico

albergo M5stelle

privatizzazione degli utili e socializzazione delle perdite ... che bel giochino ...

52 milioni sol de muri e paviment. Tut el rest bison pagarlo arent. Poreti, no te vorai miga che i laora 'n tera!!!!

Buona idea. Così non dovremo più vedere lo spettacolo delle signorine in via Brennero.

Ma come?!! Progetto di Renzo Piano ed adesso ci mettono uno straccione di 4 stelle? Se tanto vale Le Albere lì ci si deve mettere un 5 stelle S. Mellarini, invece che discutere di Tripadvisor (sic!) intervieni va!

Auguri al nuovo albergo. In citta' c'e' bisogno di una struttura alberghiera nuova con parcheggio. Sara' di complemento al Muse.

si fa tutto per chi può permetterselo con i quattrini dei contribuenti sempre più poveri: rubare ai poveri per dare ai ricchi (loro, sempre loro).

ISA la BANCA della curia trentina ha fatto sapere che le stanze dell'albergo saranno messe a disposizione dei profughi, come ha detto papa Francesco.......o no???

ma ci sarà pur un giudice a Trento ?
no qui non è berlino, siamo tre cattolici romani amorali

Controcorrente. E' un quartiere bello e funzionale, fra qualche anno vivrà di vita propria; una delle migliori iniziative degli ultimi anni a Trento.

grazie ai contributi velenosi al turismo lo pagheremo noi anche questo assurdo, abbiamo gli alberghi che lavorano al 20 % e sprechiamo ancora soldi per farne di nuovi ?

Errare è umano perseverare è diabolico

Errare è umano perseverare è diabolico

così farà la stessa fine del Nero Cubo a Rovereto Nord......

Visto che il progetto Albere è stato un flop con i nostri soldi (perchè praticamente sta comperando quasi solo il pubblico) si garantiscono tasche private.

Già è da ridere, hanno comperato un Centro congressi di cui dicono non sapere che farsene tanto che lo riciclano a Biblioteca ... Magistraturaaaa dove sei, qui a scoperchiare pentola ne escono di interessanti.

con il rigagnolo pieno di zanzare...

Non ce ne sono già abbastanza di alberghi vuoti a Trento ? Comunque facciano come credono , basta che alla fine come sempre non tocca pagare a Pantalone ( cioè a noi ) .

Un albergo in quei vicoli bui?

l'immancabile e imperdibile articolo quotidiano sulle albere, grandissimi, coerenti fino in fondo!

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Bertol Bruno :

Santo cielo , i vitalizi fanno piangere chi li ha creati e li gode ! Non ho capito bene se anche...

28-07-2014 23:57
anonimo :

Ciao Thara!!!rip un forte abbraccio alla famiglia e al piccolino!!!!

28-07-2014 23:41
Fab3 :

Tutta la mia stima alla "Persona" prima che consigliera Manuela Bottamedi ed a ciò in cui crede...

28-07-2014 23:37
phil :

so di ripetere... ma ricorda il pianto farisaico della fornero; falso, ipocrita e...

28-07-2014 23:35