Il caso: bollo auto, lo sconto «fantasma»

Che succede quando lo sconto c'è, ma non si vede? Semplicemente, e fastidiosamente, non viene applicato. È quello che sta succedendo in questi giorni a tutti i possessori di un'autovettura omologata euro 5 o euro 6 e che scelgano gli uffici postali per pagare il bollo.
Colpa di datbase non sufficientemente aggiornati, che non tengono conto dello «sconto» previsto dalla Provincia a partire dal 1° gennaio di quest'anno per il bollo delle auto - appunto - classificate euro 5 o euro 6.
Il database non aggiornato è quello di Sogei, la società informatica del ministero delle finanze cui fa riferimento Poste Italiane quando un automobilista si rivolge agli sportelli comunicando all'operatore il numero di targa della vettura.
In quel caso, l'importo da pagare viene mostrato per intero. Nel caso in cui è incappato un lettore, ad esempio, alle Poste gli è stato detto di dover versare 248 euro. Dopo che, verificando a casa propria tramite il sito Aci, si era preparato il gruzzolo esatto, ovvero 198 euro.
«Questo perché il database di Aci, così come quello cui fanno riferimento anche gli altri gestori dei vari canali di pagamento, da Sisal agli isituti bancari, non è quello centrale gestito da Sogei, ma quello aggiornato con le tariffe "scontate" della Provincia», spiega il direttore di Trentino Riscossioni  Stefano Riccamboni , che si dice già a conoscenza del problema.
«Abbiamo già comunicato la cosa a Sogei - prosegue, da oltre una settimana, ma ancora i dati e i tariffari non sono stati aggiornati. Abbiamo anche sollecitato più volte l'aggiornamento, con precise intimazioni, ma ci è stato risposto che la tempistica per l'aggiornamento dei dati sarà lunga. Succede solo alle Poste perché come detto tutti gli altri soggetti gestori di canali di pagamento fanno riferimento ai tariffari aggiornati con l'agevolazione prevista dal primo gennaio».
I parecchi lettori dell'Adige incappati nel problema e fattisi portatori della segnalazione, fortunatamente per le loro tasche avevano preventivamente controllato quanto dovevano versare con i tariffari aggiornati e dunque, di fronte alle richieste «sballate» cui sono andati incontro in Posta, non hanno effettuato il versamento. Ma chi, avente diritto allo sconto, si fosse recato fiducioso da Poste Italiane? «In quel caso ha senz'altro pagato più del dovuto - spiega Riccamboni, e purtroppo non è detto possa essere rimborsato: per legge se ciò che ha pagato in più è sotto la soglia dei 30 euro, non ne ha diritto. Altrimenti basta si rivolga a noi di Trentino Riscossioni».
E nel frattempo? Ci spiace per Poste Italiane, che paga colpe non sue dato che il database non lo aggiorna l'azienda, ma il consiglio più logico, per chi ha una vettura euro 5 o euro 6, è quello di rivolgersi agli altri canali per pagare il bollo auto: allo sportello, i dipendenti postali non possono che affidarsi a quanto riporta ciò che vedono sul monitor. E chiedere, nei casi in oggetto, una somma maggiorata di un 20% non dovuto.

Che figo... chi che g'ha i schei per comprarse l'auto nuova el g'ha anca lo sconto ? Ho capì ben ? E quei altri ?

ma c'è ancora qualcuno che usa il servizio postale?

Ecco perchè io ho pagato 30€ in meno dell'anno scorso! Si vede che siamo vicini alle elezioni èh!! però dai ogni tanto fa piacere

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Meir :

In Meridione e' normale festeggiare Ognissanti e i Defunti perché è tradizione donare a bimbi...

01-11-2014 09:41
SW :

Forza che con la PiRuBi poi tutto migliora... o no?! Forse è il contrario scusate!

01-11-2014 09:40
Ennesima stupidaggine :

Adoperare un cassa integrato o disoccupato come propone Gilmozzi è una fesseria , la legge non...

01-11-2014 09:36
Cuco :

Bisogna combattere questo fenomeno negativo col pugno di ferro. Col buonismo non si va da...

01-11-2014 09:35
SW :

Cioè per "certi" stranieri che comunque non pagano le multe non cambia nulla!
Mah......

01-11-2014 09:33