Otto posti da pediatra e non si presenta nessuno

Mondo difficile, quello della sanità. Pochi mesi fa in Trentino è stato indetto un concorso pubblico per otto posti da medico pediatra. E il concorso è andato deserto. Lo ha detto il dottor Paolo Colorio, a capo della sezione trentina della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), a margine del suo intervento riguardante il «superdecreto sanità», promosso dal ministro Renato Balduzzi. Parlando della situazione trentina, dove in vari settori si registra carenza di organico, Colorio ha fatto notare che «c'è il caso recentissimo dei medici pediatri». «Al concorso pubblico non si è presentato nessuno. Vorrà pur dire qualcosa». Difficile dare delle spiegazioni, anche se - come ha notato l'assessore provinciale Ugo Rossi - «non si tratta del primo concorso andato deserto». Secondo Colorio si pone soprattutto un problema di appetibilità di una professione, che non è complessa solo quando esercitata all'interno di una struttura ospedaliera, ma anche quando viene fatta «ambulatoriamente, sul territorio». I genitori dei bambini - si dice - sono sempre più informati ed esigenti.
«E poi c'è la questione della responsabilità sulle terapie».
Mestiere difficile in un mondo difficile.
Lo conferma il neonatologo Dino Pedrotti, che evidenzia anche la «questione formazione»: «Manca la formazione universitaria. Manca, per intenderci, a livello nazionale. Non è un problema solo trentino. Sono stati tagliati i corsi di specializzazione. Penso che si dovrebbe fare una riflessione, rapida».

@ perplesso:
Una laurea in medicina non si improvvisa! Occorrono anni di studio, ed ancor più con le specializzazioni!
Da parte dello Stato, il n°chiuso per tante facoltà, è stato un madornale errore di programmazione!
Così, si ripiega su un'immigrazione estera di figure professionali spesso impreparate!
E gli studenti italiani costretti a facoltà universitarie con meno sbocchi professionali!

dove sono quelli che dicono che non c´é piú lavoro, che gli stranieri ci portano via il lavoro e altre fesserie di questo genere?

Si può fare come con gli infermieri: numero chiuso nelle facoltà italiane: basta importare infermieri dall'estero con 6 mesi di scuola superiore. Tanto i nostri giovani è meglio che stiano a casa a guardare i reality......

Questi sono i lusinghieri risultati delle riforme italiane; prima fanno uscire il bestiame dai recinti e poi dicono che gli stessi sono vuoti! Furbi come le faine!

una riflessione??? facile, eccola:

abolire il numero chiuso alla facoltà di medicina

avete voluto il numero chiuso anche per la specialistica e questi sono i risultati!!!!

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I commenti sono limitati ad un massimo di 500 caratteri.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Tag

Per Anatema :

mi hai rubato le parole di bocca ....... homo homini lupus

23-09-2014 21:46
Giorgio Pier Francesco Corbani :

il titolo è un titolo fuorviante in perfetto stile "Adige".
Se la Bottamedi è fuori dal...

23-09-2014 21:39
Francone Cuccureddu, grigie esistenze :

Ma la smettete di fare i bambini ? Ma chi se ne strafotte se avete visto una volpe pure voi ?...

23-09-2014 21:35
Anàtema :

Passato qualche anno, ma vale ancora: homo homini lupus...

23-09-2014 21:32
un trentino :

condivio appieno la posizione di
@redazione adige...siete un giornale indipendente solo...

23-09-2014 21:30